Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disordini a Porto Empedocle, Ida Carmina: "Volevano chiudere le scuole, proteste? Servono altri modi"

Il prefetto: "Assoluta fermezza rispetto a chi pensa di ostacolare un naturale processo di riconsegna della città a quei livelli di civiltà che i suoi cittadini meritano"

 

Non si è fatta attendere la risposta dello Stato ai disordini sfociati a Porto Empedocle in occasione della raccolta dei riffiuti operata 
dalla ditta alternativa al raggruppamento di imprese "Realmarina". Il Prefetto di Agrigento Dario Caputo ha convocato i vertici provinciali di carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza e il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina per dimostrare la vicinanza delle istituzioni agli amministratori empedoclini. 

La raccolta dei rifiuti continuerà, il prefetto: "Lo Stato è con Porto Empedocle"

"Questo - ha detto il prefetto Caputo -  non può esere tollerato, non può essere accettato, massima solidarietà all'amministrazione comunale di Porto Empdocle che sta affrontando una situazione molto difficile, ma assoluta fermezza - ha ggiunto -  rispetto a chi pensa di ostacolare un naturale processo di riconsegna della città di Porto Empedocle a quei livelli di civiltà che i suoi cittadini meritano".

Parole di conforto, il Prefetto le rivole anche  alla ditta alternativa alla "Realmarina". "Il segno che le forze dello Stato vogliono dare - ha dichiarato Caputo -  è di supporto e di sostegno, continuate a lavorare, fate il vostro lavoro le forze dell'ordine vi saranno affianco". Rincuorata della vicinaza degli organi dello Stato si è detta il sindaco Ida Carmna che dai microfoni di AgrigentoNotizie ha detto:"E' un modo per dire che lo Stato c'è, è vicino, è presente. Noi speriamo che finalmente nella nostra terra si possa affermare la legalità perchè ognuno ha dei diritti da rivendicare  ma - ha aggiunto la prima cittadina -  ci sono modi e modi. Non si può attentare alla vita degli altri, alla loro incolumità e anche all'incolumità della stessa cittadina  perchè in realtà, ci siamo visti costretti a rivolgerci a un'altra impresa perchè l'ufficiale sanitario aveva sollecitato la chiusura delle scuole". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento