rotate-mobile

Agrigento capitale italiana della cultura, Guardì precisa: "Nessuna polemica, le dichiarazioni risalgono a maggio"

Il regista si era trovato suo malgrado al centro di uno scontro indiretto con il sindaco per l'intervista rilasciata a "Camper"

"A proposito delle mie riflessioni su 'Agrigento città della cultura' andate in onda ieri 3 agosto nel programma televisivo 'Camper' desidero precisare che quella intervista era stata registrata nel maggio scorso. Che con quelle dichiarazioni volevo solo richiamare l’attenzione di tutti su una scadenza che si avvicinava. Non intendevo, dunque, 'bacchettare'. Men che meno il sindaco Micciché che sapevo e so seriamente impegnato nel ruolo. Mi spiace che il mio intervento sia stato interpretato in maniera  distorta".

Interviene così, con una breve nota, il regista Michele Guardì dopo che una sua intervista andata in onda ieri, ma appunto registrata a suo dire alcuni mesi fa, era entrata prepotentemente nella polemica  sul futuro del progetto di Agrigento capitale italiana della cultura. Qualcuno in quelle parole aveva intravisto una critica (manco tanto velata) all'organizzazione del progetto.

"Buon lavoro al sindaco che ieri, superando una serie di ostacoli burocratici - conclude Guardì -, ha potuto approvare in giunta un importante provvedimento che consentirà alla città di affrontare con mezzi adeguati l’importante appuntamento".

Intanto il primo cittadino ha diffuso questa mattina un breve video nel quale annuncia il risultato ottenuto, cioè la creazione della tanto attesa fondazione e spiega come la macchina sia a tutti gli effetti entrata pienamente a regime. 

Video popolari

Agrigento capitale italiana della cultura, Guardì precisa: "Nessuna polemica, le dichiarazioni risalgono a maggio"

AgrigentoNotizie è in caricamento