Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assessore regionale Lagalla al liceo Leonardo: "Le aule tornano a parlare, respirare e vivere"

Il vice presidente della Regione in merito alla carenza di istituti scolastici: "E' come se fossimo all’indomani della fine della seconda guerra mondiale, non esistono scuole di riserva. Stiamo lavorando per reperire gli spazi necessari”

 

L’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, ha incontrato gli studenti del liceo scientifico “Leonardo” di Agrigento. “Mi aspetto un anno scolastico atipico – ha detto l’assessore ai microfoni di AgrigentoNotizie -  perché atipica è la situazione generale, sono convinto che tutti faranno del proprio meglio per portarlo a termine regolarmente ma certamente non è un anno come gli altri. È un anno straordinario – ha aggiunto Lagalla -  come lo è stato quello precedente, però dinanzi al silenzio delle aule dell’anno scorso,  quest’anno le classi hanno ripreso a parlare, a vivere, a respirare e a sognare perché è il sogno che non dobbiamo togliere ai nostri ragazzi". 

Primo giorno di scuola ma non per tutti, la preside Pilato: "Il 'Leonardo' ha scelto la didattica integrata"
Primo giorno di scuola ma non per tutti, la preside Pilato: "Il 'Leonardo' ha scelto la didattica integrata"

L’assessore, accolto dal dirigente scolastico Patrizia Pilato, ha fatto un giro per le aule dell’istituto. L’emergenza sanitaria in atto ha riportato in auge il problema relativo all’edilizia scolastica e alla carenze strutturali degli istituti. “Siamo dinanzi ad una condizione eccezionale – ha detto in merito l’assessore regionale Lagalla – è come se fossimo all’indomani della fine della seconda guerra mondiale, non esistono scuole di riserva. Stiamo lavorando per reperire gli spazi necessari”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento