Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ivoriani e ghanesi terrorizzavano minori tunisini a Villa Sikania: i dettagli

Il dirigente del commissariato di Polizia, Chiara Sciarabba in conferenza: “Bisognava assicurarli alla giustizia prima del loro trasferimento in altre strutture”

 

Provenivano dalla Costa d’Avorio e dal Ghana alcuni dei migranti che, dalle denunce sporte da un gruppo di minorenni di origine tunisina, con minacce e aggressioni, estorcevano agli stessi, somme di denaro e razioni di cibo. Soprusi che non sarebbero avvenuto solo nella struttura di accoglienza di Villa Sikania a Siculiana ma che sarebbero stati commessi anche a Lampedusa, dove i migranti erano giunti dopo la traversata del Canale di Sicilia..

"Dateci il pocket money e i cellulari": dalle minacce alle botte e al sequestro, fermati due minori
"Dateci il pocket money e i cellulari": dalle minacce alle botte e al sequestro, fermati due minori 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/siculiana-rapina-estorsione-sequestro-fermi-migranti-villa-sikania.html

La fine del periodo di isolamento fiduciario e il relativo trasferimento in alte strutture dei soggetti coinvolti, ha indotto la polizia ad intervenire per mettere fine ai soprusi denunciati. “L’esigenza – ha detto dai microfini di AgrigentoNotizie il vice questore aggiunto, Chiara Sciarabba che dirige il commissariato di Porto Empedocle – era quella di bloccare questo tipo di comportamenti e di assicurarli alla giustizia rapidamente prima che potessero seguire il resto del gruppo e far perdere le loro tracce”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento