rotate-mobile

Cambiano i flussi migratori e mutano le nazionalità degli aguzzini: bengalesi assoldati per torturare i connazionali

I dettagli dell'inchiesta: i centri di detenzione libici arrivano ad ospitare, tutte ammassate, anche 2.500 persone

Non soltanto libici ed egiziani, ma anche bengalesi. Cambiano i flussi immigratori - negli ultimi mesi, a Lampedusa, sono aumentati gli sbarchi di bengalesi - e mutano anche le nazionalità degli aguzzini. Secondo quanto è emerso dalla nuova inchiesta della Squadra Mobile di Agrigento, con il coordinamento della Dda di Palermo, i proprietari dei campi di detenzione, in Libia, si stanno affidando a connazionali di chi è in fuga per fare sì che nei centri di detenzione - che arrivano ad ospitare, tutte ammassate, anche 2.500 persone - venga garantita la vigilanza e per portare a termine le estorsioni del denaro pattuito prima del viaggio.

Aumentano quindi gli esodi dal Bangladesh e, in Libia, vengono assoldati vigilanti e torturatori bengalesi che, dopo aver svolto il loro compito, avranno delle agevolazioni o utilità per partire, a loro volta, verso l'Italia. 

Pagati fino a 10 mila euro per arrivare dal Bangladesh a Lampedusa evitando attese e torture: fermati due trafficanti di esseri umani

Video popolari

Cambiano i flussi migratori e mutano le nazionalità degli aguzzini: bengalesi assoldati per torturare i connazionali

AgrigentoNotizie è in caricamento