Cosa Nostra si impone ancora con le estorsioni, aumentate del 78 per cento le denunce

Secondo i dati che emergono dalla relazione semestrale della Dia, nell'Agrigentino non si è più così inclini ad accettare vessazioni, minacce, intimidazioni e danneggiamenti rimanendo a testa bassa e in silenzio

Non si è più così inclini - nell'Agrigentino - ad accettare estorsioni, minacce e danneggiamenti rimanendo a testa bassa e in silenzio. Secondo quanto emerge dalla relazione del ministro dell’Interno al Parlamento - sull’attività svolta e i risultati conseguiti dalla Direzione investigativa antimafia nel secondo semestre del 2017 - nell'Agrigentino sono aumentate le denunce di episodi di estorsione. E l'aumento è stato vertiginoso: più 78 per cento rispetto al precedente semestre. Sono lievitati del 20 per cento invece i casi di minaccia - oltre 400 - in provincia. Ed sono in aumento anche i danneggiamenti - oltre 500 episodi - di vigneti e uliveti. Si tratta di dati - evidenzia la Dia di Agrigento, che è coordinata dal vice questore aggiunto Roberto Cilona, - che restano in linea con l’andamento registrato nel quinquennio.

Appalti, droga e gioco d'azzardo: Cosa Nostra si sta riorganizzando 

Non mancano - sono anzi praticamente all'ordine del giorno - i danneggiamenti seguiti da incendio. Casi che vengono considerati significativi "reati-spia" perché idonei ad offrire elementi interessanti sulle dinamiche evolutive delle famiglie e dei mandamenti di Cosa Nostra.

Le estorsioni, tradizionalmente precedute da minacce, intimidazioni e danneggiamenti, colpiscono imprenditori e operatori commerciali dei settori più diversi. A causa di una cronica carenza di liquidità, le estorsioni sono indirizzate anche e sempre più verso piccoli imprenditori e commercianti al minuto. E' allarmante però - ed è stato sottolineato dalla Direzione investigativa antimafia Agrigentina - il fatto che vi siano, e forse sono anche in crescita, "imprenditori compiacenti che mettono a disposizione dell’organizzazione mafiosa la propria impresa, con
i relativi requisiti economici e tecnici, al fine di turbare gare di appalto, o prestandosi a partecipare in A.T.I. (associazione temporanea di impresa ndr.) per conto di Cosa Nostra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mafia sotto la lente della Dia, pubblicata la relazione semestrale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento