menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Udc compatto con Zambuto, Macedonio punta il dito contro Alfano e Di Mauro

Presente Gianpiero D'Alia, segretario regionale del partito, per la presentazione ufficiale della lista dell'Udc a sostegno del sindaco uscente

Unione di centro e Patto per il territorio, le due liste a sostegno del sindaco uscente Marco Zambuto, che tenta il raddoppio all'imminente tornata elettorale di maggio. Stamattina riunione del direttivo provinciale del partito, alla presenza di Gianpiero D'Alia, segretario regionale, per presentare la lista dell'Udc.

Piero Vitallaro, coordinatore cittadino, apre l'incontro. "A chi sostiene che siamo divisi, diciamo che l'Udc è compatto con Zambuto". Anche D'Alia interviene in merito: "Non ci sono divisioni, siamo un partito rinato da un anno e lo stiamo costrunedo pezzo per pezzo in Sicilia, le correnti non ci appartengono". Le discordie nate in questi anni tra Zambuto e Lillo Firetto, sindaco di Porto Empedocle e segretario provinciale del partito, in seno ad alcune tematiche - una per tutte, il rigassificatore -, ha infatti lasciato pensare che l'Udc agrigentino potesse essere spaccato in due.

Presente anche Piero Macedonio, esponente del Patto per il territorio, il quale non risparia accuse ai leader dei partiti agrigentini, citando più volte i nomi di Angelino Alfano (Pdl) e di Roberto Di Mauro (Mpa). "Questi partiti, che cinque anni fa insieme a me hanno perso, hanno voluto punire la gente non facendo nulla per Agrigento".

"Appoggiamo un sindaco - dichiara D'Alia - che ha lavorato bene e che non ha permesso che questa città si affrancasse a siti di potere che non hanno prodotto effetti positivi. Oggi riviviamo la stessa stagione di 5 anni fa, meglio, e con il sostegno di un partito: l'Udc che credo sia garanzia di credibilità. Andiamo avanti con il percorso amministrativo che Marco ha tracciato e lo facciamo sapendo che non abbiamo avuto sconti in questi anni né dalla Regione né dal governo centrale. Chi non ha dato la solidarietà all'Amministrazione uscente deve assumersi le proprie responsabilità nei confronti degli Agrigentini".

(dbr)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento