menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Museo civico, via alla rimozione delle barriere architettoniche

Con i fondi della Democrazia partecipata si sta provvedendo a rendere finalmente fruibile a tutti la struttura ospitata a palazzo Malfitano

Abbattimento delle barriere architettoniche del museo civico di Naro, via ai lavori. Le operazioni sono già iniziate e riguarderanno anche l'ordinaria manutenzione dei locali del complesso monumentale composto da palazzo Malfitano ed ex ospedale San Rocco.  Gli interventi arrivano in seguito ad un progetto presentato dall'associazione "Indara", che è stato selezionato dall'assessorato comunale alla Cultura, retto da Rosa Maria Giunta,  a seguito di avviso a suo tempo rivolto ai cittadini singoli e associati che avessero idee progettuali da finanziare coi fondi regionali della cosiddetta "democrazia partecipata".

Con l'abbattimento delle barriere architettoniche il Museo Civico - attualmente aperto al pubblico con l'esposizione delle opere della sezione dell'arte grafica - si amplierà la fascia di fruitori e, soprattutto, si consentirà anche a chi ha disabilità o difficoltà motorie, di poter godere di calcografie, litografie, xilografie, le serigrafie, acqueforti e disegni facenti parte della collezione del maestro Caruso, recentemente scomparso, il quale nel duemila  ha donato, alla Città di Naro, opere grafiche sue e di altri autori che a lui ne avevano fatto dono, affinché venisse istituito il museo dell’Arte grafica, poi arricchito da  altre acquisizioni d'importanti opere che vanno dal seicento ai nostri giorni.

"Grazie ai fondi della democrazia partecipata, dopo il rifacimento del portone della chiesa barocca del santissimo Salvatore - spiega il sindaco Calogero Cremona - , stiamo procedendo all'eliminazione delle barriere architettoniche nel museo che ho avuto l'onore di istituzionalizzare formalmente nell'estate del 2017".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento