Venerdì, 30 Luglio 2021

Minacce da immigrato, il titolare del bar che aveva aiutato i militari ad arrestarlo: "Lo rifarei altre cento volte"

All'esercente commerciale il triste primato di aver subito e denunciato minacce gravi in poco meno di tre settimane

“Se si dovesse ripetere  interverrei altre cento volte”, così dai microfoni di AgrigentoNotzie Gianni Dalli Cardillo, ha parlato il 41enne titolare di un bar del centro che è balzato agli onori delle cronache per aver aiutato i carabinieri a fermare un giovane pusher nei pressi del suo locale. Ventiquattro ore l'arresto, il presunto pusher un 22 enne di nazionalità gambiana con diversi precedenti, è stato reimmesso in libertà ed è tornato nel bar per minacciare il titolare che subito dopo si è rivolto ai militari dell'arma per denunciare l'accaduto.

"Preparati a morire": immigrato minaccia esercente, denunciato 22enne

Il gesto coraggioso del quarantunenne non è passato inosservato e per l'intera giornata odierna e da più fronti, istituzioni e semplici cittadini, hanno rivolto attestati di stima all'esercente.  Gianni Dalli Cardillo non è nuovo alle intimidazioni, poco meno di tre settimane fa aveva subito le minacce da un 47enne di San Giovanni Gemini che dopo l'invito ad allontanarsi dal bar dove avrebbe infastidito gli avventori, per tutta risposta si era rivolto all'esercente esclamando: “Te la farò pagare io sono amico di una famiglia mafiosa palermitana”. Anche in in quella circostanza caso il titolare del bar aveva denunciato il tutto alla polizia che era intervenuta sul posto. 

"Sono amico di una famiglia mafiosa palermitana": molesta clienti e titolare del bar, bloccato dalla polizia

Si parla di

Video popolari

Minacce da immigrato, il titolare del bar che aveva aiutato i militari ad arrestarlo: "Lo rifarei altre cento volte"

AgrigentoNotizie è in caricamento