Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Operazione "Rege Manex", commercianti pagavano le prostitute con buste di spesa

Il dirigente del commissariato di Polizia Amato:" Dalle indagini emerge un contesto degradato"

 

Dalle indagini dell'operazione "Rege manex" emerge una situazione di degrado attorno allo sfruttamento  di sei donne di nazionalità romena costrette a prostituirsi in diversi luoghi. 

Blitz contro lo sfruttamento della prostituzione, scattano tre arresti

Le "alcove" erano spesso improvvisate in: appartamenti, automobili e persino in strada, nei giardini pubblici di Palma di Montechiaro. La somma pagata dai clienti  era variabile, dalle 200/300 euro delle persone più anziane alle 20 euro.

Feste di addio al nubilato e convivenze forzate con anziani: ecco come venivano "usate" le ragazze

Non solo scambio di denaro però: dalle indagini infatti emergerebbe come alcuni commercianti, pagassero la prestazione sessuale ricevuta non "cash", ma con della merce, sopratutto alimenti.

Il retroscena: "Procacciavano clienti e trattenevano il 50% dei compensi incassati"

"Abbiamo riscontrato - dice il commissario capo Tommaso Amato, dirigente del commissariato di Palma di Montechiaro -  come le prostitute si lamentavano per non aver potuto svolgere le prestazioni sessuali, perchè in macchina avevano trovato minorenni"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento