Mafia, parte il processo "Montagna": l'ex sindaco Sabella diserta l'aula

Via al dibattimento, l'ex amministratore resta in carcere e rinuncia a partecipare: ammessi i mezzi di prova

L'ex sindaco Santo Sabella

L'ex sindaco di San Biagio Platani, Santo Sabella, dimessosi dopo l'arresto, scattato il 22 gennaio dell’anno scorso nell'ambito dell'operazione antimafia "Montagna", è il grande assente alla prima udienza del processo che si è aperto questa mattina davanti ai giudici della prima sezione penale presieduta da Alfonso Malato. L'ex amministratore del paese degli Archi di Pasqua, la cui organizzazione, peraltro, secondo gli inquirenti sarebbe stata "macchiata" da una serie di favoritismi a imprese vicine ai boss, ha rinunciato a farsi trasportare dal carcere ed essere presente in aula.

Slitta l'inizio del processo all'ex sindaco

In prima fila, invece, i suoi difensori, gli avvocati Antonino Gaziano e Antonino Mormino. Sabella è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa perché avrebbe stretto un accordo elettorale col capo mafia del paese Giuseppe Nugara che, in cambio di piccoli appalti e posti di lavoro per uomini a lui vicini, gli avrebbe garantito sostegno elettorale. Insieme a Sabella sono stati rinviati a giudizio altri cinque imputati. Sono: Domenico Lombardo, 25 anni, di Favara, Salvatore Montalbano, 25 anni, di Favara, Calogero Principato, 26 anni, di Agrigento, Giuseppe Scavetto, 49 anni, di Casteltermini e Antonio Scorsone, 53 anni di Favara.

Il pm chiedono 54 condanne per oltre seicento anni di carcere

Nel troncone abbreviato gli imputati sono cinquantaquattro e i pm, al termine della requisitoria, hanno chiesto condanne per oltre sei secoli di carcere. L’inchiesta avrebbe disarticolato le nuove cosche della provincia e fatto luce su un traffico di droga gestito dal clan. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pubblico ministero Alessia Sinatra e i difensori hanno illustrato i rispettivi mezzi di prova: in sostanza le liste dei testimoni e i documenti da produrre al fascicolo. Il 14 marzo saranno sentiti i primi testi. Si tratta di ufficiali dei carabinieri che hanno coordinato le indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento