Mafia, nuovi guai per il boss Occhipinti: aggravata la misura di sicurezza

Il provvedimento del magistrato di sorveglianza dopo il nuovo arresto nell'operazione "Assedio"

Angelo Occhipinti

Nuovi guai giudiziari per il boss Angelo Occhipinti, 65 anni, al quale il magistrato di Sorveglianza, in seguito al nuovo arresto nell’operazione antimafia “Assedio”, che delinea il suo ruolo di capo della famiglia mafiosa di Licata, ha aggravato la “pericolosità sociale” con la conseguenza che la misura di sicurezza della libertà vigilata, in caso di ritorno in libertà, sarà sostituita con la “casa lavoro”. Si tratta di una vera e propria misura detentiva a cui viene sottoposto il condannato anche dopo l’espiazione della pena.

Occhipinti, difeso dall’avvocato Angela Porcello, lo scorso 11 luglio è finito ancora in carcere con l’accusa di avere ripreso a gestire gli affari di Cosa Nostra e in alcune intercettazioni si vanta persino della sua affiliazione dicendo di essere mafioso da sempre. Secondo il magistrato di sorveglianza Walter Carlisi “a nulla è valsa l’applicazione della libertà vigilata come a nulla sono valse l’applicazione delle pregresse carcerazioni e della misura di prevenzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di conseguenza, secondo il giudice, è necessario “disporre una misura di sicurezza maggiormente ideonea a tutelare le esigenze di difesa sociale”. La libertà vigilata è stata, quindi, sostituita con la casa lavoro per due anni. L’istituto prevede una sorta di prosecuzione della detenzione in carcere, per ragioni di pericolosità sociale, anche dopo avere espiato la pena. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • Grigliata notturna fra amici e assembramenti: 10 sanzioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento