Danneggiamento stele Livatino, Cna: "Offriremo un contributo per migliorare l'area"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Colpire, nella memoria, uno dei simboli antimafia  è come riaprire una profonda ferita nel sano tessuto sociale, culturale ed economico del nostro territorio. Un’ azione ignobile che offende quanti ogni giorno operano, lottano e rischiano per affermare il valore della legalità e della giustizia, offriamo al Prefetto di Agrigento  la disponibilità della Cna ad essere parte attiva nell’annunciata idea di volere rendere l’area, che ospita il monumento in contrada Gasena, più accogliente per una migliore ed  efficace fruizione. La  nostra attenzione rispetto alla figura del giudice Livatino  l’abbiamo manifestata anche nelle scorse settimane, in occasione dell’assemblea elettiva quadriennale. In quelle sede è stato istituito e assegnato il “Premio Legalità Cna” proprio alla memoria del  magistrato canicattinese. La targa l’ha ritirata don Giuseppe Livatino, Postulatore della Causa di Canonizzazione del giudice”.  

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento