Sequestro beni mafia, Cgil: «Tornino alla società onesta»

«Adesso - aggiunge Raso - ci auguriamo che quei terreni, quegli immobili, quei soldi non restino fermi, ma servono a dare risposte sociali, lavorative e di rafforzamento dell’apparato investigativo e di sicurezza e che, quindi, ritornino, per questa via, nella disponibilità di siciliani onesti"

Massimo Raso (Cgil)

"Abbiamo letto con enorme soddisfazione del sequestro di beni del valore di oltre 1,5 milioni di euro, riconducibili a cinque boss agrigentini da parte della Direzione Investigativa Antimafia di Agrigento - dice Massimo Raso, segretario generale della Cgil Agrigento -. Al Procuratore aggiunto Bernardo Petralia, coordinatore del gruppo misure di prevenzione della Dda di Palermo e a quanti si sono adoperati per giungere a questo obiettivo, il sentito “grazie!” del sindacato».

«Adesso - aggiunge Raso - ci auguriamo che quei terreni, quegli immobili, quei soldi non restino fermi, ma servono a dare risposte sociali, lavorative e di rafforzamento dell’apparato investigativo e di sicurezza e che, quindi, ritornino, per questa via, nella disponibilità di siciliani onesti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento