Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hamel incontra i cittadini: "L'ordinanza sui rifiuti verrà modificata"

L'assessore all'Ecologia annuncia che si provvederà ad eliminare l'obbligo di esporre i mastelli dopo le 23 in larga parte della città

 

L'ultima ordinanza sui rifiuti verrà modificata, eliminando l'obbligo di esporre i mastelli alle 23 in aree di minore o nessun interesse turistico.
Lo ha annunciato questa sera, durante l'incontro aperto con la cittadinanza, l'assessore all'Ecologia Nello Hamel.
“E' stato un incontro estremamente civile ed entusiasmante rispetto al dialogo che stiamo riuscendo ad avere con i cittadini. Se ieri è stato affidato il nuovo appalto – ha spiegato – abbiamo l'esigenza per i prossimi 2, 3 mesi di riuscire ad andare avanti superando le criticità già note. Molte vie sono state ripulite e deserbate, il lavoro continuerà anche per i prossimi mesi con l'ausilio di 18 uomini in totale. Le prospettive sono buone, ma bisogna superare le criticità che sono emerse”.
Rispetto all'ordinanza, dicevamo, l'assessore ha annunciato che questa verrà modificata in alcuni punti, come ad esempio nell'obbligo di esporre i mastelli a partire dalle 23. “In molte altre parti l'ordinanza funziona e verrà mantenuta, perché punisce alcuni comportamenti pericolosi”.
Se l'incontro ha visto qualche momento di tensione verbale, i cittadini si dicono complessivamente poco contenti di come stia funzionando il servizio.
“Sono stato di recente a Dublino – spiega Gianni Vizzini – e lì le campane stradali funzionano perfettamente. Come è possibile costringere i cittadini a tenere i rifiuti, soprattutto l'umido, al balcone per giorni?”. 
Inferocito il signor Raimondo Sammartino. “Dove abito io il servizio non viene svolto e noi residenti  non lo vogliamo più pagare. Le condizioni della città sono peggiorate, noi facciamo la differenziata e poi vicino casa troviamo discariche di gente che non paga”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento