Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giornata dell’unità nazionale e delle forze armate, il prefetto: "Sono sempre al fianco di chi ha bisogno"

Le misure anti Covid non hanno permesso le usuali celebrazioni a Villa Bonfiglio dove le autorità hanno deposto una corona di alloro al monumento dedicato ai caduti di tutte le guerre

 

Anche Agrigento ha celebrato la giornata dell’unità nazionale e delle forze armate. Nel rispetto delle misure di prevenzione del rischio contagio del Coronavirus, una sobria cerimonia s'è tenuta ai "piedi" della stele dei caduti in guerra di villa Bonfiglio dove - alla presenza del prefetto Maria Rita Cocciufa, del comandante provinciale dei carabinieri: il colonnello Vittorio Stingo e del sindaco Franco Miccichè - è stata deposta una corona di alloro. 

Richiamando il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che elogia l’impegno degli uomini in divisa in questo periodo di emergenza pandemica, ai microfoni di AgrigentoNotizie, il prefetto Maria Rita Cocciufa ha detto: “Mai come quest’anno stiamo vedendo  l’impegno, su più fronti, delle forze armate e di quelle di polizia, svolto anche in modo silenzioso, sempre al fianco di chi ha bisogno”.

"Unità nazionale e festa delle forze armate – ha detto invece il comandante provinciale dell’Arma, il colonnello Vittorio Stingo – per evidenziare ancora di più quel legame indissolubile che lega la nostra nazione alle sue forze armate, in guerra e in pace. Oggi – ha aggiunto – ricordiamo i defunti di ieri ma anche i defunti di oggi che hanno immolato la propria vita per difendere questo Paese”. 

“Sono molto emozionato –  ha reso noto, invece, il sindaco di Agrigento Franco Miccichè - perché è una giornata che celebra i valori nei quali sono stato educato e con i quali sono cresciuto. Mio padre, come molti sapete, era un generale dell’Esercito. Le divise in casa mia erano una costante. Ha guidato anche la Croce Rossa territoriale ed è stato sempre un fedele servitore dello Stato. Ha educato tutti noi a credere nello Stato, nella Repubblica e nell’importanza della pace”.

Anche al comando provinciale dei vigili del fuoco di Villaseta è stato fatto un minuto di silenzio in ricordo di tutti i caduti delle forze armate. 

Monumento dei caduti, Di Rosa: "La nuova amministrazione rispetta gli agrigentini morti in guerra"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento