Santuario di San Calogero, le opere d'arte rivivono con i “Tableaux vivants”

  • Dove
    Santuario San Calogero
    Indirizzo non disponibile
    Naro
  • Quando
    Dal 15/06/2019 al 15/06/2019
    20.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Una splendida riproposizione degli affreschi della cappella di San Calogero, interpretati dagli attori della compagnia teatrale “La Fulgentissima” e da altri fedeli naresi, verrà presentata sabato 15 giugno alle 20.30 all’interno del santuario di San Calogero a Naro. I fedeli sono stati immortalati negli scatti del fotografo siracusano Toni Mazzarella che da anni realizza “Tableaux vivants” (quadri viventi) per far rivivere opere d’arte più o meno famose. Oltre ai pannelli che raffigurano gli affreschi, verrà presentata anche una scena, realizzata in chiave moderna, dei fedeli naresi in adorazione del loro santo patrono.

A completare la serata, organizzata in occasione dei festeggiamenti dal comitato Amici di San Calogero e dall’Opera don Guanella insieme al museo civico ed al Comune di Naro, la rappresentazione dal vivo di uno dei tableaux vivants e gli interventi musicali dei maestri Gero Cangemi, sassofonista narese, e Francesco Netti.

La mostra, curata da Dario Bottaro, esperto d’arte e appassionato ricercatore delle espressioni del culto dei santi in Sicilia, verrà spostata il giorno successivo al museo civico di Naro, dove verrà inaugurata alle 18.30 insieme alla mostra fotografica “Naro/Noto – La metamorfosi della maschera barocca in Sicilia”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Un canto per Dante, via al concorso: ecco cosa serve per partecipare

    • Gratis
    • dal 17 febbraio al 19 marzo 2021
  • Armonie Sicane 2021, la nuova edizione tutta in streaming

    • Gratis
    • dal 7 al 3 marzo 2021
  • Federfiori e Confcommercio, gerbere gialle donate alle donne delle Rsa: l'evento

    • Gratis
    • 7 marzo 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento