Al "Filippini" la mostra di Giko sul dramma dell’immigrazione

  • Dove
    ex Collegio dei Filippini
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 07/12/2018 al 07/12/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Sarà il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, venerdì 7 dicembre ad inaugurare alle 18 nella sala Jean-Marc Bodart  nell’ex Collegio dei Padri Filippini, la mostra “Le grida silenziose”, da pittura a digital art, dell’Artista Giacoma Venuti, in arte Giko. L’esposizione vuol rendere omaggio alle tante vittime del mare attraverso l’unione tra la moderna innovazione tecnologica e l’arcaico impulso di dipingere.  

Simbolo delle grandi tragedie del mare ma anche luogo di accoglienza, l’intero territorio agrigentino vive da tempo il dramma dell’immigrazione sulle proprie coste.   

 Una mostra non solo d’arte ma anche di riflessione su un tema molto attuale. All’inaugurazione interverrà la responsabile dell’Ufficio diocesano Migrantes, Mariella Guidotti.

Il racconto per immagini di Giko propone frammenti di storie in cui la drammaticità cede sempre il passo alla speranza.

La mostra, patrocinata dal Comune di Agrigento e dalla Regione Siciliana, sarà visitabile gratuitamente fino al 12 gennaio 2019

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Leonardo Sciascia e la fotografia", Roberto Fico all'inaugurazione della mostra

    • dal 19 settembre 2020 al 20 febbraio 2021
    • Fondazione Leonardo Sciascia
  • "Giornata Internazionale dell’educazione", via all'evento: sarà online sui social

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 gennaio 2021
    • Istituto Gaetano Guarino
  • Giornata della memoria, al "Guarino" tutto pronto per la commemorazione: l'evento

    • Gratis
    • 27 gennaio 2021
  • Programmazione europea, un webinar del Gal Sicilia per una visione a lungo termine

    • solo domani
    • 26 gennaio 2021
    • https://meet.google.com/djr-bmei-jkx
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento