Domenica, 14 Luglio 2024

Lo “scrigno” della memoria si apre alla comunità: inaugurato l'archivio storico dell'arcidiocesi

Nell'ex biblioteca dei redentoristi sono disponibili oltre diecimila unità archivistiche molte delle quali consultabili anche su internet

“Abbiamo fatto dell'ex sagrestia e biblioteca dei padri redentoristi la sede dell'archivio storico diocesano che conta più di mille unità archivistiche, questo luogo deve diventare centro della cultura. I visitatori potranno approcciarsi ai registri e ai documenti per effettuare le proprie ricerche e per scoprire degli scorci della storia della nostra diocesi”. Così dai microfoni di AgrigentoNotizie ha parlato don Giuseppe Lentini, direttore dell'archivio in occasione dell'inaugurazione della struttura che in parte è stata finanziata con le donazioni dell'otto per mille alla Chiesa cattolica.

Alla presenza fra gli altri anche dell'arcivescovo di Agrigento, Alessandro Damiano e del responsabile dei Beni Culturali dell'arcidiocesi, don Giuseppe Pontillo, sono state illustrate le peculiarità dello “scrigno” che contiene la memoria storica delle comunità agrigentine. Tra le opzioni di ricerca disponibili per i fruitori c'è anche quella della possibilità di consultare, dal sito internet dell'archivio, i registri dei battesimi che, nel corso dei secoli, si sono svolti in tutte le parrocchie della provincia di Agrigento. Un lavoro certosino che nell'opera di ricerca, catalogazione e digitalizzazione ha coinvolti diverse figure professionali.

Tesori di Sciacca: riaperti Mudia, Chiesa della Badia Grande e Torre Campanaria

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento