La processione serale del venerdì Santo, don Franco: "Il polo universitario è un'agonia infinita"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

I fedeli hanno preso d’assalto le principali vie cittadine. Migliaia di agrigentini in fila per la processione serale del Venerdì Santo. La folla di fedeli ha accompagnato in silenzio il simulacro della Madonna Addolorata e dell’urna di Gesù. Dalla “finestra” della chiesa di San Domenico si è affacciato il cardinale don Franco.

L’arcivescovo ha parlato alla città, parole forti – come ogni anno – per un discorso tanto atteso e che nessuno vuole perdersi mai. Ha ripreso le parole pronunciate, 25 anni fa, da San Giovanni Paolo II. Parole con le quali il papa - in quel maggio del 1993 - ha condannato la “piaga della disoccupazione”, l'esasperazione dell'individualismo, la pratica sistematica della diffidenza, che volta le spalle alla cultura d'iniziativa e d'impresa; il clientelismo, che corrompe e inquina la democrazia.

Le parole di don Franco

Potrebbe Interessarti

  • Scomparsa di Gessica Lattuca, Russotto rompe il silenzio: "Mandate i Ris anche dai suoi conoscenti"

  • Tentato furto a San Leone, inseguimento e incidente: uno è stato arrestato, l'altro è ricercato

  • Elicottero, cinofili e 100 carabinieri: scatta l'operazione antimafia "Assedio"

  • Le fiamme distruggono i grani antichi della Valle dei Templi, raccolto andato in cenere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento