Sbarchi e Coronavirus, il consiglio comunale: "Evitare il trasferimento in città"

Si chiede che "vengano adottate misure idonee di contenimento epidemiologico per detti soggetti.. su coste e approdi nel nostro territorio e quindi nel luogo di primo approdo (es. Lampedusa)"

(foto ARCHIVIO)

Scongiurare il trasferimento ad Agrigento dei migranti sbarcati a Lampedusa, sottoporre tutti i soggetti in questione al tampone per verificare la positività al Covid-19, assicurarsi venga rispettata la quarantena.

Sono questi alcuni punti di un punto votato dal Consiglio comunale di Agrigento e proposto dai consiglieri Margherita Bruccoleri, Pietro Vitellaro, Maria Assunta Di Matteo, Gioacchino Alfano , Vincenzo Licata, Mariagrazia Fantauzzo, Pierangela Graceffa, Nello Hamel, Gabriella Battaglia, Gerlando Riolo, Alfonso Mirotta, Gerlando Gibilaro, Carmela Palermo.

IL VIDEO. Migranti, dopo il traghettamento da Lampedusa a piedi verso Agrigento

L'atto, partendo dai fatti di queste settimane - soprattutto il primo caso di Covid-19 registrato a carico di un migrante transitato dalla nostra provincia - raccoglie le preoccupazioni dei firmatari "per un reale rischio di contagio". Pertanto gli stessi chiedono al sindaco e all’amministrazione tutta "di rivolgersi al prefetto di Agrigento, al questore di Agrigento, al presidente della Regione, all’assessore regionale alla Sanità, e all’Asp di Agrigento al fine di ottenere chiarimenti in ordine al trattamento sanitario adottato ed alle prescrizioni imposte agli stessi immigrati".

Tra i punti, aggiunti poi con un emendamento, si chiede che "vengano adottate misure idonee di contenimento epidemiologico per detti soggetti.. su coste e approdi nel nostro territorio e quindi nel luogo di primo approdo (es. Lampedusa) evitando il trasferimento ad Agrigento o a Porto Empedocle". In tal senso è entrato nel merito l'assessore Gerlando Riolo, il quale ha precisato: "Se arriva una nave a Lampedusa deve fermarsi a Lampedusa e le persone devono essere ritrasferite altrove", almeno fintanto che non è finita la fase di osservazione-quarantena.

Emergenza migranti, l'appello di Firetto: "Subito corridoi umanitari, il governo ci aiuti"

In tal senso, continua, "le autorità devono avere un quadro delle possibili strutture da utilizzare. Secondo me è fattibile una rete di convenzioni con alberghi a Lampedusa, che in questo momento sicuramente sono vuoti e probabilmente daremmo un valore a queste strutture se fossero coinvolte nelle attività di accoglienza".

L'atto, comunque, prosegue chiedendo che "ai soggetti di cui sopra (i migranti ndr) venga eseguito l'eseme del tampone faringeo prima di essere posti in quarantena e al suo termine, per attestare la negatività a covid 19".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I consiglieri, inoltre, chiedono che "qualora le strutture di accoglienza territoriale non siano in grado di assicurare le norme di sicurezza per la quarantena, si possano individuare tempestivamente altre possibilità dove poter fare osservare correttamente il periodo di quarantena".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento