Mafia, Cusumano e Semprevivo respingono le accuse davanti al Gip

L'elettrauto Massaro invece si è avvalso della facoltà di non rispondere: sono tutti e tre coinvolti nell'operazione "Halycon"

Il tribunale di Agrigento

Operazione Halycon, imputati respingono le accuse o fanno scena muta.

E' questo l'esito degli interrogatori dei licatesi Antonino Cusumano, 43 anni e Antonino Massaro, 61 anni, e Raimondo Semprevivo, 41 anni, tutti licatesi e tutti coinvolti nell'operazione "Halycon". Lo racconta l'edizione odierna del quotidiano La Sicilia.

Se Cusumano, titolare del noto ristorante "Il Sombrero" e Semprevivo, hanno respinto le accuse rivoltegli, Massaro si è avvalso della facoltà di non rispondere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • La "fabbrica" dei falsi invalidi, ispettore della Digos: "Non c'era una sola banda ma erano due"

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento