"Violenza sessuale e botte all'ex moglie", condannato operaio quarantenne

Le percosse sarebbero durate fino al dicembre del 2013. I giudici hanno riconosciuto alla donna, che si era costituita in giudizio, un risarcimento di 15 mila euro

(foto archivio)

Tre anni e dieci mesi di reclusione per violenza sessuale e maltrattamenti nei confronti dell' ex moglie. Un quarantaduenne, operaio di Sciacca, è stato condanato - secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia - dal tribunale. I giudici hanno riconosciuto all' ex moglie - che si era costituita in giudizio con la rappresentanza dell'avvocato Mira Cerra - un risarcimento di 15 mila euro.

Il Pm aveva, invece sollecitato l'assoluzioone dall'accusa di violenza sessuale e la condanna a 3 anni di reclusione per maltrattamenti.
I giudici del Tribunale di Sciacca, invece, lo hanno condannato per violenza sessuale, limitatamente ad uno degli episodi contestati e per maltrattamenti.

Secondo l'accusa, fino al 15 dicembre del 2013, l'operaio avrebbe picchiato con schiaffi e calci, anche alla presenza dei figli minori, la moglie, insultandola ed invitandola a non rimanere nell'abitazione e indicandole le valigie che la donna avrebbe dovuto utilizzare per lasciare l'immobile.
 

Potrebbe interessarti

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

  • La birra come prodotto di bellezza

  • I centrotavola più originali per le vostre cene

  • Nuotare fa bene a corpo, mente e anima

I più letti della settimana

  • Incidente ad Alessandria, perde controllo della moto di ritorno dal mare: morto geometra

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • Camilleri sepolto nella sua Porto Empedocle? Ecco il retroscena

  • Muore vecchio boss di Palma, il questore dispone: niente funerali

  • "Mi ha minacciata e violentata": donna denuncia bracciante agricolo

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento