Campagna elettorale infuocata a Ravanusa, il sindaco rimette la querela

Il pm Elenia Manno ha fatto notificare la citazione diretta a giudizio del presunto autore del volantino che denunciava brogli in materia di polizia mortuaria da parte di D'Angelo

Carmelo D'Angelo

La campagna elettorale infuocata a Ravanusa: la Procura conclude le indagini e manda a processo il presunto autore del volantino, diffuso via whatsapp in occasione del comizio di Carmelo D'Angelo, poi riconfermato sindaco, con cui si denunciavano presunti brogli nel regolamento di polizia mortuaria.

Il sindaco presenta querela per il volantino diffuso al comizio

Il pm Elenia Manno ha disposto la citazione diretta a giudizio, per l'accusa di diffamazione, nei confronti di J.M., che avrebbe diffuso lo scritto diffamatorio che aveva avvelenato il clima della campagna elettorale.

L'avvocato Carmelo Pitrola, difensore di D'Angelo, ha fatto sapere che il sindaco è pronto a ritirare la querela e, di conseguenza, il processo non si celebrerà se l'imputato accetterà la remissione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento