Campagna elettorale infuocata a Ravanusa, il sindaco rimette la querela

Il pm Elenia Manno ha fatto notificare la citazione diretta a giudizio del presunto autore del volantino che denunciava brogli in materia di polizia mortuaria da parte di D'Angelo

Carmelo D'Angelo

La campagna elettorale infuocata a Ravanusa: la Procura conclude le indagini e manda a processo il presunto autore del volantino, diffuso via whatsapp in occasione del comizio di Carmelo D'Angelo, poi riconfermato sindaco, con cui si denunciavano presunti brogli nel regolamento di polizia mortuaria.

Il sindaco presenta querela per il volantino diffuso al comizio

Il pm Elenia Manno ha disposto la citazione diretta a giudizio, per l'accusa di diffamazione, nei confronti di J.M., che avrebbe diffuso lo scritto diffamatorio che aveva avvelenato il clima della campagna elettorale.

L'avvocato Carmelo Pitrola, difensore di D'Angelo, ha fatto sapere che il sindaco è pronto a ritirare la querela e, di conseguenza, il processo non si celebrerà se l'imputato accetterà la remissione.

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento