Campagna elettorale infuocata a Ravanusa, il sindaco rimette la querela

Il pm Elenia Manno ha fatto notificare la citazione diretta a giudizio del presunto autore del volantino che denunciava brogli in materia di polizia mortuaria da parte di D'Angelo

Carmelo D'Angelo

La campagna elettorale infuocata a Ravanusa: la Procura conclude le indagini e manda a processo il presunto autore del volantino, diffuso via whatsapp in occasione del comizio di Carmelo D'Angelo, poi riconfermato sindaco, con cui si denunciavano presunti brogli nel regolamento di polizia mortuaria.

Il sindaco presenta querela per il volantino diffuso al comizio

Il pm Elenia Manno ha disposto la citazione diretta a giudizio, per l'accusa di diffamazione, nei confronti di J.M., che avrebbe diffuso lo scritto diffamatorio che aveva avvelenato il clima della campagna elettorale.

L'avvocato Carmelo Pitrola, difensore di D'Angelo, ha fatto sapere che il sindaco è pronto a ritirare la querela e, di conseguenza, il processo non si celebrerà se l'imputato accetterà la remissione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Col passato ho chiuso e studio per diplomarmi", ex braccio destro del boss chiede di tornare libero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento