Open Arms, la Procura: "L'offerta di un porto da parte della Spagna pone una battuta d'arresto alle indagini"

Intanto la Ong chiede di essere autorizzata urgentemente allo sbarco a Lampedusa: "Situazione critica"

(foto da Twitter Open Arms)

“L’offerta di un porto sicuro da parte delle autorità spagnole pone una battuta di arresto all'attività d'indagine in corso”. Lo riferiscono dalla Procura di Agrigento che, ieri, ha disposto una ispezione sanitaria sulla Open Arms e l'acquisizione di documenti al ministero dell'Interno. Ispezione che, come evidente, non ha portato a nessun provvedimento d'urgenza come invece inizialmente ritenuto da alcuni per la presenza di una ipotetica situazione di emergenza sanitaria a bordo.

Open Arms, i migranti esasperati si gettano in acqua: recuperati e riportati a bordo

La situazione sulla nave è sicuramente molto tesa dopo il tentativo di alcuni migranti di allontanarsi a nuoto dalla stessa, ma al momento tutto resta praticamente congelato. O quasi. Sì perché se è vero che il Governo spagnolo ha solo adesso concesso la possibilità alla nave di approdare in un proprio porto  ad Algericas, dalla Ong era già arrivata l'indisponibilità a valutare questa opzione. "Dopo 26 giorni di missione, 17 in attesa con 134 persone a bordo, un ordine del tribunale a favore e 6 paesi disposti a ospitare, vuoi che navighiamo per 950 miglia, circa 5 giorni in più, verso Algeciras, il porto più lontano del Mediterraneo, con una situazione insostenibile a bordo?" si chiede il capitano Oscar Camps.

Sbarcano 27 minori non accompagnati, conclusa l'ispezione da parte della Procura

"La Ong spagnola rifiuta il porto offerto dalla Spagna! Incredibile e inaccettabile, organizzano crociere turistiche e decidono loro dove sbarcare??? Io non mollo, l’Italia non è più il campo profughi d’Europa" era stato invece il commento di Matteo Salvini.

Intorno alle 19 la nave Open Arms ha inviato una richiesta urgente per poter entrare nel porto di Lampedusa e far sbarcare le 107 persone a bordo da 17 giorni. "Le loro condizioni psicofisiche sono critiche, la loro sicurezza è a rischio - dicono da bordo attraverso i canali social -. Se accadrà il peggio, l'Europa e Salvini saranno responsabili".

Intanto trapelano le prime storie dei migranti che hanno raggiunto terra. "Sono stata tre anni in Libia, un anno e 4 mesi in prigione e un anno e sei mesi chiusa in un magazzino - ha raccontato una donna etiope all'agenzia Ansa -. Lì è terribile, mi hanno torturata, calci e pugni. I libici sono pazzi, è un posto pericoloso". Ha raggiunto Lampedusa 4 giorni fa, essento tra i 13 naufraghi sbarcati dalla Open Arms per motivi di salute. "Finalmente libera, voglio andare a Roma per proseguire gli studi", ha affermato.

Una nuova nave punta verso Lampedusa

Se non è ancora risolta la questione riguardante la Open Arms, ad attendere in acque internazionali c'è la "Ocean Viking", della Ong "Medici senza Frontiere", che trasporta oltre 350 naufraghi, un centinaio dei quali minori, recuperati durante diversi interventi di soccorso.

Le contestazioni dei lampedusani contro la Open Arms: "Ma perché dovete portarli qui?"

La nave aspetta dal 13 di agosto un porto sicuro dalle autorità di Malta e Italia, senza ottenere risposte. Adesso, dopo giorni di attesa potrebbe essere subentrata l'emergenza. "I medici di bordo - dicono - stanno monitorando attentamente un paziente, le cui condizioni sono peggiorate rapidamente ieri mattina. Stanno cercando di tenerlo il più stabile possibile nella clinica a bordo ma è solo una soluzione a breve termine".

Potrebbe essere quindi necessario trovare un porto in cui sbarcare in tempi molto rapidi e Lampedusa potrebbe essere in tal senso una sorta di scelta obbligata anche se il ministro dell'Interno Matteo Salvini, durante una diretta Facebook, ha già manifestato la propria contrarietà a questa ipotesi. Si andrà, insomma, ad un nuovo "muro contro muro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Pizzo sullo stipendio, dipendente in aula: "Restituivamo i soldi per non essere licenziate"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento