Sbarco "fantasma" a Torre Salsa: 30 i tunisini bloccati ma in fuga ve ne sono ancora 70

Fra le persone portate alla tensostruttura di Porto Empedocle anche 5 o 6 minori. Guardia di finanza, carabinieri e polizia continuano le ricerche

Una veduta della tensostruttura di Porto Empedocle (foto ARCHIVIO)

Ore 13,30. Sono 30 i migranti - tutti tunisini - che si trovano al momento ospiti della tensostruttura di Porto Empedocle. Fra loro anche 5 o 6 minori. Sono stati rintracciati, dopo ore ed ore di ricerche, da parte delle forze dell'ordine che hanno setacciato - e continuano a farlo - l'intero comprensorio di Torre Salsa: fra Siculiana Marina e Montallegro. I migranti, seppur provati, stanno tutti bene. Non ci sono emergenze sanitarie. Lo ha accertato il medico Franco Miccichè che ha prescritto loro alcune cure e delle visite.

Le ricerche, da parte di Guardia di finanza, polizia e carabinieri vanno avanti. E sono meticolose e capillari anche perché su quel barcone approdato durante la notte pare che ci fossero un centinaio di persone. Al momento, dunque, mancano all'appello qualcosa come una settantina di migranti. 

Le perlustrazioni si stanno, adesso, allargando a macchia d'olio. 

Ore 10. Non solo Seccagrande, ma anche uno dei "tradizionali" punti d'approdo della costa Agrigentina: ossia Torre Salsa. Stanotte, un barchino - carico di migranti - è riuscito ad arrivare sull'arenile. Tutti i nordafricani a bordo, a gambe levate, hanno provato a disperdersi. Le ricerche, immediatamente avviate, hanno permesso di rintracciare - almeno per il momento - una decina di persone proprio nella zona di Torre Salsa. Ma non è finita perché Guardia di finanza, carabinieri e polizia stanno continuando a perlustrare, allargando a macchia d'olio la presenza delle pattuglie. 

Sbarco "fantasma" a Seccagrande, i carabinieri bloccano i migranti

Pare che il barchino, ieri, fosse stato avvistato e fino ad un certo punto forse anche scortato. La "carretta", durante la notte, è riuscita però ad arrivare sulla costa e, come sempre avviene in casi del genere, il gruppo di extracomunitari si è rapidamente allontanato. Grosso modo era accaduta la stessa cosa circa 24 ore prima, ma a Seccagrande. I carabinieri della tenenza di Ribera, in quel caso, sono riusciti - dopo ore ed ore di ricerche - a bloccare complessivamente 11 profughi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento