"Favoreggiamento dell'immigrazione", ricorso in Cassazione per 2 condannati

I due tunisini, che si trovano ai domiciliari, sono stati arrestati a Menfi, accusati di far parte di un'organizzazione

Ricorso in Cassazione dell'avvocato Francesco Di Giovanna per i tunisini condannati in primo grado e in appello per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. Conferma in appello della pena di 6 anni e 8 mesi di reclusione per Sarra Khaterchi, di 33 anni, e ridotta da 6 anni e 8 mesi a 4 anni e 6 mesi per il marito, Akrem Toumi, di 41. I due tunisini, che si trovano ai domiciliari, sono stati arrestati a Menfi, accusati di far parte di un'organizzazione dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Per il marito i giudici d'appello hanno accolto la richiesta della difesa di concessione delle attenuanti generiche, giudicate prevalenti rispetto alle aggravanti contestati. Durante le fasi dell'arresto dei due è rimasto gravemente ferito un finanziere, precipitato dal soffitto di una casa. Gli altri imputati in questo processo sono stati giudicati con il rito abbreviato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento