Maxi inchiesta "Kerkent", solo "Gabrielone" rompe il silenzio: "Non ho sequestrato nessuno"

Valentino Messina (fratello del boss Gerlandino), Francesco Luparello, Angelo Iacono Quarantino e Fabio Contino - tutti rappresentati e difesi dall'avvocato Salvatore Pennica - sono rimasti in silenzio

Valentino Messina (fratello del boss Gerlandino), Francesco Luparello, Angelo Iacono Quarantino e Fabio Contino - tutti rappresentati e difesi dall'avvocato Salvatore Pennica - sono rimasti in silenzio. Soltanto Gabriele Micciché ha reso dichiarazioni al Gip ed ha risposto alle sue domande del magistrato. 

"Ho accompagnato Mangione da Massimino, su richiesta di Massimino. L'ho preso a casa sua, è salito in macchina senza costrizione e l'ho portato in un magazzino al centro storico. Ad aspettarlo c'era solo Massimino e hanno parlato - avrebbe spiegato Gabriele Micciché al giudice per le indagini preliminari - . Poi io ho riaccompagnato Mangione a casa e in macchina mi ha detto di avere paura di Massimino perché gli aveva chiesto la restituzione dei soldi prestati: quasi 30 mila euro". Alle domande del Gip, Micciché avrebbe risposto negando la presenza di Ganci e spiegando che non c'erano né cocaina, né armi. Micciché, di fatto, ha dunque respinto - e con sdegno - l'accusa di sequestro di persona.   

Mafia, la maxi inchiesta "Kerkent" sul clan Massimino approda al riesame

Gli interrogatori hanno riguardato alcuni degli indagati del blitz “Kerkent” che, all’alba del 4 marzo, ha fatto scattare 32 arresti della Dia di Agrigento nei confronti dei presunti componenti del clan del boss Antonio Massimino. 

IL VIDEO. Arrestati due presunti fiancheggiatori di Massimino

Venerdì, al tribunale del riesame, sono in programme le prime udienze per discutere i ricorsi, presentati sempre dall’avvocato Pennica che chiede di annullare le ordinanze cautelari. Saranno discusse le posizioni degli stessi Valentino Messina e Luparello oltre che di Sanzo, Antonio Messina, Puntorno e Cusumano. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Picchia la figlia e la moglie incinta spaccandole il naso", condannato 43enne

  • Cronaca

    Assunti da Moncada perchè raccomandati da Firetto? Il sindaco chiamato a testimoniare

  • Canicatti

    Va in escandescenze e rompe una bottiglia in testa ad un 25enne: il giovane è in ospedale

  • Cronaca

    Caso Mare Jonio, c'è il secondo indagato: Casarini finisce sotto inchiesta

I più letti della settimana

  • Vede palpeggiare la sorella dal balcone, scende e gli stacca l'orecchio a morsi: rinviati entrambi a giudizio

  • "Loggia segreta capace di condizionare la politica", due agrigentini coinvolti: una arrestata e l'altro indagato

  • Rubano camion e trattore, braccati dalla polizia tentano la fuga per le campagne: ladro precipita in un dirupo e resta ferito

  • Abbandonava cartoni e copertoni d'auto in via Gioeni, sorpreso e bloccato dal sindaco

  • Scoppia l'incendio in una casa, tragedia sfiorata: in ospedale un 60enne

  • L'omicidio di Alessandria, la vittima ha fatto il nome dell'assassino prima di morire

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento