Licenziamento disciplinare nullo: il giudice reintegra dipendente della Ksm

Il lavoratore dopo ben 33 anni di onorato servizio, nel 2017 ha subito diverse contestazioni dal datore di lavoro

(foto ARCHIVIO)

Il giudice del lavoro di Agrigento, Bartolo Salone, ha dichiarato nullo il licenziamento disciplinare comminato dalla Ksm Spa nei confronti di un dipendente che - dopo ben 33 anni di onorato servizio -  nel 2017 ha subito diverse contestazioni disciplinari, alcuni dichiarati “generiche” ed “aspecifiche” ed altre dichiarate “insussistenti” dal giudice.

In particolare, il giudice, accogliendo la tesi dell’impugnativa del licenziamento dall’avvocato Elisabetta Fragapane, difensore del lavoratore, ha dichiarato che non fosse individuabile nessun preciso profilo di responsabilità del dipendente, né dolosa né colposa, nei fatti riportati dal datore di lavoro, dai quali “…non è dato neppure comprendere le ragioni della riferibilità al ricorrente…”.

E' stato riconosciuto il diritto alla tutela reale “forte”, quindi il datore di lavoro è stato condannato a reintegrare il ricorrente nel posto di lavoro e a risarcirgli il danno versandogli un’indennità commisurata all’ultima retribuzione globale dal giorno del licenziamento fino a quello dell’effettiva reintegra, in misura non superiore a dodici mensilità, nonché al versamento, per il medesimo periodo, dei contributi previdenziali e assistenziali, maggiorati degli interessi legali.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento