Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Relazione Dia, il vice questore Cilona: "I mafiosi si orientano sul business di droga e usura"

Il capo della sezione di Agrigento della Direzione investigativa antimafia: "Gli interessi economici principali per le famiglie mafiose rimangono quelli tradizionalmente legati alla criminalità organizzata"

 

"Il fenomeno mafioso in provincia di Agrigento è da sempre caratterizzato da una forte pervasività di tutti i tessuti, sia quello economico che soprattutto quello identitario". Così ha parlato ai microfoni di AgrigentoNotizie, il vice questore Roberto Cilona, capo della sezione di Agrigento della Direzione investigativa antimafia, in coda alla conferenza sulle attività svolte dalla Dia nel primo semestre del 2019.

Leadership e business criminali: ecco perché Cosa Nostra resta forte

"La comunità agrigentina - ha aggiunto -  subisce, oggi come ieri, il fenomeno mafioso e ne subisce soprattutto l'aspetto identitario, quello legato alle tradizioni della mafia che è anche quello più pericoloso.  Oggi noi assistiamo ad una regressione dell'ambito militare ma contestualmente ad una forza sempre maggiore di ambiti, come quelli di natura economica e conseguentemente anche ad un proselitismo facile da parte delle mafie sul territorio. Dalle analisi eseguite dagli investigatori, anche nei primi sei mesi dello scorso anno, gli interessi economici principali  per le famiglie mafiose, rimangono quellio tradizionalmente legati alla criminilatità organizzata.

"La richiesta e la necessità di liquidità per le consorterie mafiose - ha detto il vice questore Cilona -  comporta l'orientarsi verso business criminali classici  quali quello dello stupefacente ma anche quello delle estorsioni e dell'usura".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento