"Furto di camion e trattore", rigettato il ricorso: indagato resta ai domiciliari

Le indagini, ad opera dei poliziotti della Squadra Mobile e di quelli del commissariato, vanno, intanto, ancora avanti per cercare di identificare gli altri uomini che quella sera entrarono in azione

Il ricorso è stato rigettato. Vincenzo Pinto, 34 anni, rappresentato e difeso dall'avvocato Angela Porcello, resta ai domiciliari. Si tratta dell'uomo che la sera dello scorso 16 marzo era caduto da un viadotto lungo la statale 115, fra il Villaggio Mosè e Palma di Montechiaro, mentre pare che cercasse di allontanarsi dopo il furto di un camion e trattore da un fondo agricolo di Canicattì. A sciogliere la riserva, rigettando il ricorso, - secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia - sono stati i giudici del tribunale del Riesame. 

"Rubano camion e trattore", braccati dalla polizia tentano la fuga

Già questa settimana, l'avvocato Porcello riproporrà una nuova istanza al gip del tribunale di Agrigento chiedendo l'annullamento dei domiciliari. Le indagini, ad opera dei poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento e di quelli del commissariato di Canicattì, vanno, intanto, ancora avanti per cercare di identificare gli altri uomini che quella sera entrarono in azione. 

Il furto di camion e trattore, è "caccia" aperta ai tre fuggitivi 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento