"Scaraventa ex fidanzata del figlio giù dalle scale", 54enne davanti al giudice

E' iniziato il dibattimento a carico del cinquantaquattrenne Calogero Volpe, l'episodio maturato nell'ambito di una "faida" familiare

A processo con l’accusa di avere scaraventato l’ex fidanzata del figlio, con la quale i rapporti erano diventati da tempo burrascosi, giù dalle scale, provocandole gravi traumi e la frattura del piede. Dopo il rinvio a giudizio, deciso dal giudice dell’udienza preliminare Luisa Turco, ieri mattina, davanti al giudice monocratico Alessandro Quattrocchi, è iniziato il dibattimento a carico del cinquantaquattrenne Calogero Volpe.

Litiga con la nuora e la scaraventa giù dalle scale, rinviato a giudizio 54enne

L’imputato, difeso dall'avvocato Salvatore Pennica, sarà processato, per l’accusa di lesioni. Ieri mattina il pubblico ministero, la difesa di parte civile e quella dell’imputato hanno chiesto l’ammissione dei propri mezzi di prova e il giudice, dopo averli ammessi, ha rinviato al 22 maggio per sentire il primo teste della lista della Procura. 
La ragazza, che rimediò nella caduta la frattura dell’astragalo, si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Vincenzo Caponnetto già all'udienza preliminare.

La vicenda si inquadra in un contesto di rapporti turbolenti fra i nuclei familiari. L’avvocato Pennica, difensore dell’imputato, infatti, in precedenza aveva chiesto al gup di astenersi dalla trattazione del procedimento perché - secondo la sua versione - sarebbe stata incompatibile visto che, nelle settimane precedenti, aveva condannato con la formula del decreto penale, il fratello della ragazza ferita, accusato di minacce nei confronti di Volpe. In quella circostanza il ragazzo ventitreenne sarebbe andato a trovarlo a casa, tenendo in mano una mazza da baseball, per vendicare l’aggressione alla sorella. “Hai fatto cadere mia sorella dalle scale, – avrebbe detto – lo devono sapere tutti il porco che sei. Ora scendi e te la vedi con me… tanto mi hanno già arrestato una volta”.

La presunta rappresaglia del fratello sarebbe avvenuta il 3 gennaio di due anni fa, a distanza di pochissimi giorni dal fatto per cui Volpe è finito a processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento