Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta su "Alex", Mediterranea: "Chiara volontà politica di non darci altra possibilità"

I rappresentanti della Ong hanno replicato, punto su punto, alle dichiarazioni del ministro dell'Interno Matteo Salvini

 

"C'è stata una chiara volontà politica di non darci altra possibilità. La decisione di dirottarci a Malta era pura propaganda politica che voleva trattare le persone come sacchi di patate. Salvini voleva solo il nostro scalpo" - lo hanno detto, nel corso della conferenza stampa svoltasi all'ingresso di molo Favarolo a Lampedusa, la portavoce di Mediterranea Alessandra Sciurba e il capo missione Erasmo Palazzotto - .

L'inchiesta sulla barca "Alex": perquisizione lunga 4 ore e multa fino a 50 mila euro

I rappresentanti della Ong Mediterranea hanno replicato, punto su punto, alle dichiarazioni del ministro dell'Interno Matteo Salvini sostenendo di avere subito accettato la proposta di portare i 59 migranti a Malta, purchè venissero rispettate le condizioni di sicurezza. "Ci è stato risposto - ha spiegato il capo missione Erasmo Palazzotto - che 7 di loro dovevano restare a bordo della nostra imbarcazione e che prima di entrare in acque territoriali maltesi sarebbe stato effettuato nuovamente il trasbordo di tutti i migranti sulla Alex, una barca che può navigare con un numero massimo di 18 persone costretta ad averne 70 in spregio a qualunque norma di sicurezza. Ci sono le telefonate e le mail con Mrcc di Malta e Roma che testimoniano tutto ciò. La verità è che siamo stati messi nelle condizioni di potere dire solo no".

Nave "Alex" sequestrata: sbarcano i 36 migranti, indagato per "favoreggiamento" il comandante

Il capo missione ha poi spiegato di avere preso la decisione di entrare in porto a Lampedusa quando ormai a bordo vi era una "emergenza sanitaria" e una situazione insostenibile dal punto di vista igienico, con gli unici due bagno fuori uso. "L'ingresso a Lampedusa è stato dovuto allo stato di emergenza sanitaria a bordo. Le convenzioni prevedono che le persone vengano portate nel porto sicuro più vicino, Lampedusa era il posto più vicino. Abbiamo detto sì ad andare a Malta - ha aggiunto Palazzotto - ma chiedevamo di mandarci incontro delle unità: non avevamo le condizioni di sicurezza per arrivare senza le motovedette, la disponibilità l'abbiamo data fino all'ultimo". A chi ha chiesto al capo missione se teme o meno di essere indagato, ha risposto: "Sono decisioni che spettano alla Procura". 

I migranti restano sulla nave Alex, Salvini: "Non autorizzo nessuno sbarco"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento