Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piazza Cavour, i calcinacci continuano a crollare: sgomberati altri due condomini

Transennata anche mezza carreggiata del viale Della Vittoria e chiusi degli esercizi commerciali. Un abitante della zona: "Si è realmente sfiorata la tragedia"

 

In attesa dei rilievi tecnici che stabiliranno le cause del crollo avvenuto nella notte in piazza Cavour,  l’opinione pubblica è concorde sul fatto che se il collasso del cornicione e del relativo ponteggio fosse avvenuto nelle ore diurne avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia. 

“Erano le 04:15 un boato assordante” - dice Francesco Picarella, albergatore e presidente di Confcommercio ma anche abitante della zona - .  "La situazione attuale è di emergenza – dice ai microfoni di AgrigentoNotizie il vice comandante dei vigili del fuoco di Agrigento: Andrea Abruzzo – . Prima di dare l’agibilità agli altri edifici vicini occorre fare le opportune verifiche, quindi possiamo anticipare l’inagibilità, per rischio esterno, degli edifici vicini e la chiusura totale delle strade su cui sorge l’edificio e la parziale chiusura del viale Della Vittoria”. Il viale Della Vittoria è stato, infatti, interdetto alla circolazione stradale per metà carreggiata. 

Crolla cornicione e impalcatura di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate 10 famiglie e sequestrata l'area

Oltre al palazzo dove è avvenuto il cedimento, sono stati dunque sgomberati - e questo perché i calcinacci continuano a staccarsi e a cadere al suolo - i due condomini attigui. Salgono, dunque, ad oltre 20 le famiglie evacuate in via precauzionale. Tra gli sfollati anche un’anziana disabile. E a causa del crollo, due esercizi commerciali hanno dovuto tenere chiuse le saracinesce. 

L’intera area è stata sottoposta a sequestro dalla magistratura. Sul posto, per i rilievi di rito, oltre ai tecnici dei vigili del fuoco e agli agenti delle Volanti della Questura, ha lavorato, tra gli altri, anche personale della sezione Scientifica della polizia di Stato, Protezione civile, ufficio tecnico comunale e funzionari dell’Ispettorato del lavoro. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento