Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dolore di un papà che perde il figlio a causa della droga, Giampiero Ghidini testimone di speranza

Al consorzio universitario anche Carolina Bocca: la madre che è riuscita a salvare il figlio tredicenne

 

Un corale "no" all’uso di sostanze stupefacenti giunge dal consorzio universitario “Empedocle” di Agrigento dove, su iniziativa della locale sezione di Confcommercio, si è svolta una intensa giornata di sensibilizzazione. Dopo gli studenti, anche i genitori sono stati coinvolti nell’incontro che si è articolato nell’aula magna “Luca Crescente” e a cui, tra gli altri, ha partecipato anche il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, colonnello Giovanni Pellegrino.

Toccanti sono state le testimonianze di Giampiero e Carolina, della fondazione “Ema pesciolinorosso”. Giampiero Ghidini, imprenditore bresciano, è il padre di Emanuele, vittima della droga a soli 16 anni e che ha scelto di superare il dolore del suo dramma personale, promuovendo incontri educativi grazie alla fondazione dedicata al figlio scomparso. Carolina Bocca invece è una madre che è riuscita con caparbietà a salvare il figlio tredicenne dal tunnel della droga. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento