Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due anni dalla scomparsa di Gessica Lattuca, mamma Giuseppina: “I bambini ormai hanno capito”

La giovane è stata ricordata con una messa nel corso della quale è stato rinnovato un appello contro l’omertà

 

Era il 12 agosto del 2018 quando a Favara si sono perse le tracce di  Gessica Lattuca, la ventisettenne madre di quattro bambini. Due anni dopo, quella scomparsa resta ancora un rebus. Nella chiesa del quartiere dove abitano Gessica e i suoi familiari, è stata celebrata una messa e dal sagarato della parrocchia San Pietro e Paolo, la mamma di Gessisa: Giuseppina Caramanno, il padre Giuseppe Lattuca, il legale Salvatore Cusumano e lo stesso parroco, don Marco Damanti, hanno lanciato l’ennesimo appello alla comunità di Favara. 

Pesanti, ai microfoni di AgrigentoNotizie, sono state le parole di  Giuseppe Lattuca: "Nessuno ci aiuta, deve essere la giustizia ad indagare bene e capire dove è andata a finire questa ragazza”. Intanto, sul caso è stata chiesta una proroga dell’indagini. Ad oggi, l’unica persona iscritta sul registro degli indagati della Procura della Repubblica di Agrigento rimane l’ex compagno di Gessica, Filippo Russotto, accusato delle ipotesi di reato di omicidio, occultamento di cadavere, sequestro di persona e maltrattamenti. 

Niente più notizie di Gessica Lattuca, la mamma: "Siamo stati dimenticati"
Niente più notizie di Gessica Lattuca, la mamma: "Siamo stati dimenticati

Particolarmente provata, anche per le oggettive difficoltà nel spiegare ai quattro piccoli di Gessica come mai la loro madre non torna a casa, è Giuseppina Caramanno che ai microfoni di AgrigentoNotizie dice: ”Mi chiedono perché la mamma non torna a casa? Che cosa dovrei rispondere? Ormai capiscono”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento