Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dossier immigrazione: "Cresce il numero dei giovani in fuga"

Il documento statistico è stato elaborato dall'università di Enna, il numero degli immigrati è invariato

 

I cittadini stranieri censiti e residenti in provincia di Agrigento, al 31 dicembre del 2018 erano 16.094, che in percentuale equivale al 3,7 della popolazione complessiva, numeri che sono sostanzialmente in linea con il dato regionale che è del 4%.

Romania, Tunisia e Marocco sono le prime tre nazioni di origine degli stranieri che si sono traferiti sull’Isola. Questi sono alcuni dei dati che emergono dal "dossier statistico immigrazione 2019", realizzato dall’IDOS, in partenariato con il Centro Studi Confronti
e che sono stati illustrati all'ex Collegio dei Filippini di Agrigento su iniziativa del corso di laurea in Mediazione Linguistica
del Consorzio universitario "Empedocle". Curatore del rapporto, è stato il professore dell'università "Kore" di Enna, Abdelkarim Hannachi che ai microfoni di AgrigentoNotizie, ha posto l'accento soprattutto sul triste fenomeno dell'emigrazione e del dato allarmante che vede migliaia di giovani siciliani, partire in cerca di fortuna in Paesi esteri.

"Il dato allarmante - dice Hannachi - non sono i settemila nuovi residenti stranieri, ma i ventisette mila che ogni avanno via". "Un'emigrazione spaventosa - ha ribadito Marcello Saija, direttore del corso di laurea in Mediazione Linguistica di Agrigento -, tutta manodopera qualificata che in Sicilia non ha trovato posto e - ha aggiunto - i posti, gradatamente,vengono occupati da gente che viene dall'altro lato del mare e grazie a queste persone, molte delle quali, migranti regolari, è possibile pagare le pensioni agli italiani". 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento