Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Sport, spettacolo e sano agonismo: un successo la "Mezza maratona della Concordia"

 

Sono arrivati da Bologna, Brescia, Cagliari, Como, Catanzaro, Ferrara, Genova, Lucca, Milano, Pistoia, Padova, Pavia, Roma, Udine, Varese e Venezia. Oltre che dall'intera Sicilia. Giornata di sano agonismo - nel contesto del "Mandorlo in fiore" - stamani ad Agrigento. Perché è stato il giorno della "Mezza maratona della Concordia" che ha, ufficialmente, aperto il 17esimo "Grand prix regionale di maratonine". 

Una maratona particolare quella di Agrigento perché il percorso, sulla distanza di 21,097 chilometri, passa anche attraverso la via Sacra: nel cuore della Valle dei Templi. "E' una giornata di sport, di spettacolo, di sano agonismo.

Ecco tutti i risultati della mezza maratona

E' la quindicesima edizione, con una presenza massiccia di iscritti. Sono stati 1.080 gli atleti che vengono anche da Udine, Bologna, Milano, Verona, oltre che da tutta la Sicilia - ha spiegato Antonio Calamita, presidente del Lions Club Agrigento Host - . E' ormai un appuntamento tradizionale: la prima domenica di marzo si corre la 'Mezza' di Agrigento".

Tutti i numeri e le curiosità della "Mezza maratona della Concordia" 

Ad organizzare l'evento: il gruppo sportivo Valle dei Templi Agrigento, in collaborazione con il Lions club Agrigento Host e il comitato regionale Acsi, sotto l’egida della Fidal, con il patrocinio  del Comune di Agrigento e dell’ente Parco Valle dei Templi. "Ieri sera, 500 persone hanno dormito e cenato ad Agrigento - ha sottolineato Calamita - . Non è dunque solo sport, ma è anche turismo".

Il primo classificato è stato Lorenzo Abbate della Universitas Palermo: "E' una emozione unica sia per il percorso, davvero incantevole, lungo il quale si snoda la 'Mezza maratona della Concordia', sia per essere arrivato primo fra 1.100 iscritti". Vincitrice anche Chiara Immesi, sempre della Universitas.

Tra gli uomini successo di Lorenzo Abbate, bravo a leggere bene la gara e a superare di slancio, al 19° chilometro,  Filippo Russo sempre in testa fino a quel momento. Una rincorsa cominciata in discesa, subito dopo aver lasciato il parco archeologico. Abbate, che la prossima settimana sarà di scena alla Roma-Ostia, ha chiuso con il tempo di 1h15’27. Per Russo, della Monti Rossi Nicolosi, un ritardo di 34” e crono fermo a 1h16’01. Terza piazza, più staccato per Vincenzo Giangrasso della Lipa Atletica Alcamo (1h18’10).  

Sotto i 90’ anche l’atleta di casa Edna Caponnetto (Valle dei Templi Agrigento) apparsa in  splendida forma e in preparazione per la maratona di Milano, del prossimo 8 aprile. Per l’atleta allenata da Salvo Grenci il tempo finale di 1h29’54. Terza, più staccata Maria La Barbera (Marathon Altofonte) in 1h32’03.

LA VIDEO INTERVISTA. Calamita: "Momento di festa e di sport"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento