Omicidio Carità, incastrato dalle macchie di sangue sul giubbotto

Quelle chiazze secondo i carabinieri del Ris sarebbero riconducibili alla vittima

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Le indagini - durate 6 mesi - si sono basate su preziose immagini ricavate dalle telecamere di video-sorveglianza e, di recente, sono arrivate ad una svolta dopo una  perquisizione quando l’indagato è stato trovato in possesso di un giubbotto sul quale gli specialisti dei carabinieri del Ris hanno trovato tracce di sangue riconducibili alla vittima dell’omicidio.

Dopo 6 mesi fermato il killer: è un 61enne di Ravanusa 

I carabinieri del comando provinciale di Agrigento, all'alba, hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto per omicidio emesso dalla Procura della Repubblica di Agrigento. Ad essere arrestato è stato un sessantunenne di Ravanusa ritenuto l’esecutore materiale dell’efferato omicidio di Angelo Carità, 61 anni, ucciso a Licata la mattina di Pasquetta. 

Potrebbe Interessarti

  • La Valle dei Templi dentro un sogno: che spettacolo la sfilata di Dolce e Gabbana

  • Relax a Lampedusa per Baglioni, comitiva di giovani: "Claudio sei tutti noi"

  • Il litorale è invaso, è "caccia" alle meduse a San Leone

  • La Sea Watch attracca a Lampedusa, la capitana Carola arrestata dalla Finanza

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento