Fatta brillare la bomba d'aereo Usa da 120 chilogrammi, ecco le immagini

Gli artificieri del IV reggimento Genio guastatori di Palermo della brigata Aosta di Messina sono intervenuti su richiesta delle Prefetture di Agrigento e Caltanissetta

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Gli artificieri del IV reggimento Genio guastatori di Palermo della brigata Aosta di Messina - su richiesta delle Prefetture di Agrigento e Caltanissetta - sono intervenuti e hanno fatto brillare la bomba d'aereo da 500 libbre contenente 120 chilogrammi di esplosivo, di nazionalità Usa, ritrovata in contrada San Filippo a Canicattì e un colpo di artiglieria di nazionalità italiana contenente 2,2 chili di tritolo ritrovato in località Vizzini a Caltanissetta. 

La bomba d'aereo di 500 libbre è stata fatta brillare, riaperta la statale 640

A coordinare le operazioni di trasferimento, dal luogo del rinvenimento fino alla cava di Grottarossa, garantendo l'ordine e la sicurezza pubblica è stata la polizia di Stato: gli agenti del commissariato di Canicattì nello specifico che sono diretti dal vice questore Cesare Castelli.

  

Gli artificieri hanno una grande capacità "dual use" ovvero lintervengono in missioni all'estero ma anche in Italia per prestare soccorso alla cittadinanza in occasione di pubbliche calamità e di bonifica degli ordigni inesplosi. Gli artificieri del IV reggimento Genio guastatori di Palermo della brigata Aosta di Messina intervengono su Sicilia e isole minori per la bonifica. Nel 2018 hanno fatto circa 100 interventi facendo esplodere 300 ordigni tra mortai, bombe a mano, mine e bombe d'aereo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Maxi tamponamento all'altezza della rotonda "Degli scrittori": ecco le immagini

  • Video

    Incidente mortale a Sciacca, ecco le drammatiche immagini

  • Video

    Venerdì Santo, centinaia di fedeli "accompagnano" la Via Crucis

  • Video

    Ecco l'agnello di pasta reale con il cuore di pistacchio che "conquistò" due pontefici diventati santi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento