Akragas, Rigoli: "Lecce e Foggia? Ci davano per morti, testa alla salvezza"

Akragas-Messina è la partita che vale una stagione. I messinesi sono salvi e pensano alla Coppa Italia, i biancazzurri hanno voglia di festeggiare la salvezza allo stadio "Esseneto"

Pino Rigoli

"Messina poco affamato? Vi sbagliate". Parla così Pino Rigoli alla vigilia dell'atteso derby tra Akragas e Messina. La squadra del tecnico biancazzurro se domani dovesse conquistare i tre punti sarebbe matematicamente salva. "I derby sfuggono a qualsiasi tipo di pronostico" afferma Pino Rigoli. 

"Noi - aggiunge il mister - abbiamo l’esigenza di fare altri tre punti, così possiamo chiudere il capitolo salvezza. Domani sarà una partita più che difficile. Gustavo? Ne sentiremo parlare. Loro hanno una squadra di grande equilibrio. Modulo? Metteremo la migliore formazione. Il Messina è una squadra che verticalizza sempre dobbiamo stare accorti ed equilibrati. Per noi è importante muovere la classifica e penso che in altre partite qualcos’altro si può raccogliere". Contro Il Messina toccherà ancora a Capuano: "In settimana è stato un giorno fermo per precauzione". 

L'Akragas dalle sfide tra Lecce e Foggia ha raccolto un punto, ma la prestazione potrebbe aver confortato l'allenatore Pino Rigoli.

"Ci davano per spacciati - ha detto l'allenatore biancazzurro - ma non è stato così. A Foggia pensavo di poter fare anche di più. La mia sensazione è stata confortata dalla prestazione, i numeri ci danno torto ma credo che il punto racimolato è determinante. Abbiamo tenuto botta a tutti. Chi pià forte tra Lecce e Foggia? Il Foggia,  sia dal punto di vista del pubblico che societario. Abbiamo gestito bene la partita anche sotto il profilo caratteriale". 

Sul futuro il tecnico è sempre abbottonato, la sua permanenza all'Akragas la vorrebbero tutti. "Non dovete chiederlo a me - chiosa Pino Rigoli - dobbiamo essere concetrati tutti sulla salvezza, poi si vedrà. Chi confermerei? Dobbiamo capire in una eventualità chi vorrebbe rimanere, non si trattengono i giocatori controvoglia. Sono discorsi prematuri. Abbiamo una rosa che è abbastanza competitiva - dice Rigoli -  ritengo che questo campionato sia molto forte quest’anno e noi abbiamo ben figurato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

  • Incidente sul lavoro: si ribalta il trattore e muore un 53enne

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento