Tennis Club Città dei Templi promosso in serie C

Grande traguardo per il tennis agrigentino, che anche per il prossimo anno potrà vantare ancora due squadre nella medesima serie dopo la salvezza ottenuta dal Planet Canicattì

Di Paola, Platania, Palmisano e D'Alessandro

A pochi anni dalla sua fondazione il Tennis Club Città dei Templi, inanellando promozioni su promozioni è riuscito ieri pomeriggio a raggiungere la tanto agognata serie C.

Alessandro Platania, Alfonso Palmisano, Nicola D’Alessandro e Stefano Di Paola questi i protagonisti (tutti agrigentini) del miracolo, perché di questo si tratta, visto che tre di loro non sono più giovanissimi.

La certezza della promozione è arrivata ieri, grazie alla vittoria per 3 a 0 contro il Circoletto dei Laghi di Messina. Una vittoria molto più sofferta di quanto non dica il punteggio.

Dopo il pareggio a Messina, nel match di andata, al club di Alessandro Platania era indispensabile la vittoria.

Nel primo singolare, il numero uno di casa Alfonso Palmisano (2.8) ha offerto una delle sue migliori prestazioni, con qualche errore iniziale dovuto alla tensione, e ha regolato Andrea Buda (3.1) col punteggio di 62 60, portando i suoi sull’uno a zero.

Nel secondo match, capolavoro del veterano Nicola D’Alessandro che, battuto nel match dell’andata a Messina, si è preso la rivincita contro il maestro Paolo Ricciardo superandolo con un netto 62 62, al termine di un match tecnicamente perfetto e giocato con la solita arguzia.

Il terzo punto, quello decisivo lo ha portato a casa Stefano Di Paola che ha dovuto sostituire l’infortunato Alessandro Platania. Un match tiratissimo ed equilibrato, contro Roberto Fucile, risoltosi soltanto al terzo set dopo quasi tre ore di gioco.

Nel primo, Di Paola si è imposto per 64, ma ha dovuto poi subire il ritorno di Fucile che si è aggiudicato il secondo set per 62. Il terzo e decisivo set è stato un susseguirsi di emozioni e tiri spettacolari. Di Paola, in preda ai crampi, ha stretto i denti ed è riuscito a raggiungere il tie-break, giocato con l’adrenalina a mille da entrambi i giocatori.

Di Paola si è visto annullare ben quattro match point e ne ha dovuto a sua volta annullare uno al suo avversario sul 7 a 8. Al quinto match-point Stefano Di Paola ha chiuso il match sull’11 a 9 grazie a un diritto fuori del suo avversario.

A questo punto si è scatenata la festa e tutti sono corsi in campo ad abbracciare Di Paola crollato a terra esausto.

Una grandissima soddisfazione per tutto il tennis agrigentino che anche per il prossimo anno potrà vantare ancora due squadre in serie C dopo la salvezza ottenuta dal Planet Canicattì e la retrocessione del team del Passione Sciacca. 

Potrebbe interessarti

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

  • Difese immunitarie: come migliorarle con rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Colto da un malore mentre si fa il bagno, tragedia a Porto Empedocle: muore un uomo

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • Blitz "Assedio", le intercettazioni: "Io ci sono nato mafioso … mi devo vergognare che sono mafioso?"

  • Blitz antimafia "Assedio", ecco i nominativi dei fermati

  • Il pm la scagiona, lei muore poco dopo: la città piange Maria Garufo

  • Ricconi alla Scala dei Turchi, super yacht con scivolo gonfiabile

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento