La mozione di sfiducia non passa, Anna Alba rimane sindaco di Favara

L'astensione di un consigliere Pd e le assenze tra i banchi dell'opposizione hanno "salvato" il sindaco

Un momento della seduta

Bocciata la mozione di sfiducia al sindaco di Favara Anna Alba. Ieri, a tarda sera, dopo ore di dibattito duro ma di fatto fine a sé stesso, buono forse più per le telecamere per lo streaming e per regolare qualche conto interno agli schieramenti presenti in aula (in particolare quelli tra le due anime del Movimento 5 Stelle cittadino) i voti infatti non hanno sostenuto l'idea di una sfiducia al primo cittadino in carica.

Sì alla mozione hanno infatti votato in 11: Carmelo Sanfratello, Giusy Sciara, Calogero Pirrerra, Massimo Liotta, Giuseppe Sorce, Carmelo Costa, e Danila Baio, (M5S), Vito Maglio, Sergio Caramazza, Marilì Chiapparo e Rossana Castronovo (gruppo misto), Laura Mossuto (Pd) e Salvatore Giudice.  Si sono opposti alla mozione gli altri consiglieri 5 stelle Selenia Failla, Carmelina Cusumano, Marianna Fallea, Giuseppe Bellavia, Salvatore Di Naro e  Antonio Scalia. Si è invece astenuto il consigliere Calogero Castronovo, Pd (partito che fino a due giorni fa era ad un passo dall'ingresso in giunta), mentre assenti risultavano i consiglieri di "opposizione" Giuseppe Nobile e Salvaotre Fanara.

Adesso è molto probabile che l'amministrazione comunale verrà rivista nella sua composizione assessoriale (anche a causa delle dimissioni di questi giorni)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento