Botta e risposta in consiglio fra Catalano e Palermo, l'opposizione: "Presidente inesperta"

I gruppi di Forza Italia e Sicilia Futura replicano: "Si tratta di una minaccia all'intero consiglio"

Nuccia Palermo

L’opposizione insorge contro le affermazioni della presidente del consiglio comunale Daniela Catalano. Forza Italia e Sicilia Futura replicano con una dura nota congiunta.

“E’ palese - scrivono - che l’inesperienza di questa Presidenza non abbia giovato all’intero consiglio come è palese, purtroppo, la poca propensione al confronto democratico. Il Personalizzare, da parte del Presidente Daniela Catalano, un attacco politico alla figura e non alla persona è la chiara affermazione di una grande ingenuità politica e di una poca attitudine al ruolo. Riteniamo altamente lesiva - aggiungono - la posizione che intende assumere Catalano nei confronti di un consigliere, ancor più se di opposizione, poiché lesivo è tutto ciò che ostacola la libertà di critica politica che ogni singolo consigliere ha diritto ad esporre”.

I due gruppi consiliari aggiungono: "Non riusciamo a giustificare la caduta della Catalano neanche considerando la poca esperienza e per questo non possiamo esimerci dal bacchettare tali gravi affermazioni, – commentano i consiglieri di Forza Italia e Sicilia Futura - è inaudito chinare il capo dinnanzi al  tentativo di inibire la critica politica e ancor di più il ruolo del consigliere comunale. Un ruolo importante perché a difesa degli interessi dei cittadini”.

Gli esponenti dell'opposizione proseguono: “La diffida preventiva alla Palermo viene interpretata come una minaccia all’intera opposizione e perché no all’intero consiglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento