Beni culturali e sviluppo, si crea un pacchetto turistico su Racalmuto

L'ufficio comunale competente vuole creare un sistema all'interno del quale tutti gli operatori del settore economico- culturale e sociale collaborino e concorrano a creare un'offerta

Un momento della presentazione del piano turistico

L’ufficio turistico – al palazzo di città – è stato creato da poco. Adesso, è stato presentato – in una stracolma aula consiliare “Marchese” – il piano strategico per lo sviluppo del turismo. Piano che è stato promosso dall’assessore alla Cultura e al Turismo Oriana Penzillo e che è stato approvato dall’Esecutivo. A redigerlo è stato il  responsabile del ufficio Turismo e Attività culturali, Iolanda Salemi. Quello che, a Racalmuto, si sta cercando di creare è un vero e proprio pacchetto turistico che dovrà poi, naturalmente, essere promosso e portato nelle agenzie specializzate.

“Racalmuto ha una grande opportunità di crescita economica perché ha la fortuna di avere un grande potenziale turistico – ha spiegato la responsabile dell’ufficio Turistico: Iolanda Salemi - . Ha la più alta concentrazione di Beni culturali della provincia in rapporto al territorio. Potenziale artistico, letterario, pittorico, canoro ed eccellenze nel campo eno-gastronomico che, ultimamente, sono stati premiati a livello nazionale. Ci sono prodotti tipici unici nel loro genere che andrebbero valorizzati e commercializzati sul mercato internazionale e una massiccia presenza di associazioni culturali, molto attive e propositive”. Racalmuto ha una mission: creare un sistema turistico locale. Un sistema all'interno del quale tutti gli operatori del settore economico- culturale e sociale, collaborino e concorrano a creare un'offerta turistica. Perché – ed è scontato – per sviluppare il turismo non basta l’iniziativa del privato, ma bisogna pianificare un marketing. “Linee guida all'interno delle quali realizzare vari progetti e iniziative che partono dagli operatori del settore, mentre l'ente Comune in quanto partner di questo sistema – ha continuato a spiegare Iolanda Salemi - funge da facilitatore, fornendo e garantendo i servizi essenziali, che vanno: dalla pulizia, alla viabilità, al decoro urbano, al servizio guide, all'accoglienza, e alla promozione. Questo è stato il primo incontro con gli operatori e gli esercenti, altri tavoli tecnici seguiranno, per pianificare una serie di azioni concordate e ampiamente partecipate. Si auspica la collaborazione di tutto il paese e atteggiamenti propositivi e costruttivi”. “Perché bisogna impegnarsi tutti per poter sviluppare una delle poche attività che potrebbe portare sviluppo economico” – ha lanciato una sorta d’appello l’assessore comunale competente: Oriana Penzillo - .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Col passato ho chiuso e studio per diplomarmi", ex braccio destro del boss chiede di tornare libero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento