Pittura e ricerca archeologica, c'è il "patto" fra Parco e università: verranno formati gli studenti

Le attività verranno condotte da due tutor ricercatori dell’ateneo di Padova e Bologna coordinati dagli archeologi del Parco e dal docente Giuseppe Lepore

Lo studio e la valorizzazione degli intonaci parietali delle Domus di Agrigentum, del quartiere Ellenistico Romano attraverso le attività di ricerca e studio, la formazione di studenti, archeologi e restauratori, la valorizzazione della pittura agrigentina dal punto di vista stilistico e della tecnica esecutiva, proposte di miglioramento della metodologia di studio e momenti di incontro tra studiosi della pittura antica, immissione in un database denominato TECT, ideato dall’università di Padova, che su scala nazionale, avrà lo scopo di catalogare i sistemi decorativi su diversi livelli di approfondimento: è questa la sintesi del workshop “Pinxerunt”. Un progetto promosso dal Parco archeologico e paesaggistico Valle dei templi di Agrigento, in collaborazione con le università di Bologna, Palermo, Padova, Kore di Enna e Federico II di Napoli.

L’iniziativa, direttamente curata dal direttore Giuseppe Parello e dal professore Giuseppe Lepore dell’università di Bologna, mira anche al coinvolgimento di altre università che sono impegnate su contesti di studio dell’archeologia e si propone come modello che, è stato già recepito dall’università di Messina che ne sta utilizzando lo schema, applicandolo alle domus romane di Taormina. 

Nell’ambito del workshop, e con il coinvolgimento delle università che hanno aderito a “Pinxerunt”, si procederà alla formazione di 8 studenti selezionati dalle stesse università, che acquisiranno le competenze necessarie allo studio della pittura antica, alla elaborazione di documentazione e la immissione dei dati nel sistema TECT.

Le attività formative verranno condotte da due tutor ricercatori dell’università di Padova e Bologna coordinati dagli archeologi del Parco e dal docente Giuseppe Lepore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Col passato ho chiuso e studio per diplomarmi", ex braccio destro del boss chiede di tornare libero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento