Raccolta differenziata, Carlisi: "Comune in ritardo rispetto agli altri"

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Marcella Carlisi, incalza l'amministrazione

Foto d'archivio

“Un altro stop per la raccolta differenziata”, lamenta in una nota il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Marcella Carlisi.

“Pur essendo nota la penuria di centri per il trattamento dell' umido nelle vicinanze - continua Carlisi - la nostra amministrazione comunale ha cominciato tardi la ricerca di chi potesse ricevere la nostra parte organica, invece di affrontarla attraverso una manifestazione di interesse durante la programmazione del nuovo servizio. Come era prevedibile, nessuna ditta ha risposto. Ciò accade perché il nostro Comune, se e quando comincerà la raccolta differenziata, sarà in colpevole ritardo rispetto agli altri comuni del circondario, che hanno occupato tutta la capacità delle aziende che offrono il servizio nei dintorni".

"Piuttosto che fermare la raccolta differenziata - aggiunge Carlisi - si potrebbe, solo se si fosse in presenza di una vera coscienza ambientalista nella giunta comunale agrigentina, organizzare la raccolta per tutti quei materiali per cui esistono i centri di trattamento. E converrebbe pensare – conclude - ad un contenitore speciale per i 'se' e per gli annunci legati all' inizio della raccolta differenziata, una delle specialità di questa giunta comunale che spende i soldi per lasciare la firma su piazzale Giglia, ma lascia i cittadini senza i più basilari servizi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento