"La donna scheletro", l'evento al teatro de "La posta vecchia"

  • Dove
    Teatro della Posta vecchia
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 23/03/2019 al 23/03/2019
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Sabato 23 marzo 2019, alle  21 e domenica 24 marzo 2019, alle ore 18:00 al Teatro della Posta Vecchia di Agrigento, settimo appuntamento con la rassegna teatrale organizzata dall’Associazione Culturale TeatrAnima di Agrigento “Mariuccia Linder - Una vita per il teatro il teatro per la vita”, dedicata a Mariuccia Linder, attrice agrigentina prematuramente scomparsa nel maggio del 2011. In scena "La donna scheletro" spettacolo di teatrodanza  ispirato dal libro “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estés

Testi originali: Michele Albano, con Michele Albano, Elisa Di Dio (attori), Fara Romano, Josephine Giadone, Bruno Sari (danzatori creativi)

Agnese Anzalone, Cristina Gruttadauria, Ilaria Lo Presti, Maria Rita Vitello (Hathor Academy di Maria Antonina Vitello). Regia e coreografie: Josephine Giadone, Musiche originali: Patrizia Capizzi, costumi e abiti Tiziana Morreale, Luci e audio: Arte e Spettacoli di Michele Territo, Body painter: Andrea Di Pasquali. Fotografia: Michele Piazza. La produzione è affidata a Raimondo Ruggieri Art Company Caltanissetta.

Tratto dal libro “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estés, affascinante è il modo in cui è riuscita a “scovare” dalle fiabe, dai miti e dai racconti popolari, una serie di archetipi necessari per indagare la parte più repressa del femminino la cui naturalità è stata addomesticata, resa timorosa e non autosufficiente, priva di iniziative e di autostima, facendole perdere i contatti tra la psiche individuale e l’anima. Sviluppare la difesa dagli inganni, rifiutare l’educazione alla passività considerando i fattori culturali e familiari che indeboliscono le donne è la teoria di base di questo insieme di saggi. Lo spettacolo intende lanciare un messaggio a tutti coloro che sono alla ricerca di se stessi, un messaggio di speranza in cui “l'Amore Reincarna Tutto “persino la morte. Un messaggio di speranza in un momento così attuale in cui valori come l'attaccamento alla vita e l'attesa dell'amore stesso sembrano dissolversi come sabbia al vento. Grazie alla danza e alla musica, nel racconto le due donne possono riprendere contatto con l’anima (con la donna selvaggia sepolta nelle parti più profonde), che esce dalla sua dimora utilizzando l’energia mentale per realizzare quello stato di solitudine necessario per ritrovare l’essenza femminile, un essere naturale che possiede “la creatività passionale e un sapere ancestrale”.

Nella donna scheletro, una serie di eventi ci coinvolgono in una sorta di magia dall’inizio alla fine. Il primo “evento” ci porta al rapporto con il padre, per il quale tante donne hanno cambiato se stesse per compiacerlo, per sentirsi amate e accettate, e quindi c’è il pescatore, che rappresenta l’innamorato nella sua fase iniziale che pensa di aver trovato(un pesce proprio grosso), la compagna perfetta e non accetta i problemi e difficoltà che il rapporto porta obbligatoriamente, anche nei confronti di se stesso. Si fugge sempre di fronte alla paura che il cambiamento possa modificare tutto il bello che abbiamo creato nella nostra storia, ma le zone d’ombra ci rincorrono, il filo della lenza è il legame che inconsciamente ci portiamo dietro perché vogliamo conoscere la verità, anche se nessuno è mai pronto alla trasformazione . Forte è la scoperta del “non bello dell'amore”, l'amore spesso è simile alla morte. La donna scheletro rappresenta la natura Vita/Morte/Vita del rapporto a due, solo vedendo il lato peggiore dell’altro, “sbrogliando” il filo intorno allo scheletro, non si muore ma ci si apre a nuova vita, fatta di nuove conoscenze.

Quando la notte il pescatore ,sogna assiste “alla sua stessa perfetta bellezza”, in cui il mare e le due donne diventano fonte di serenità e benevolenza, e nella lacrima che egli versa la donna scheletro bevendola inizia la sua nuova fase: è la donna che viene a contatto con il dolore e le ferite che l’uomo non deve più affrontare da solo e di cui non deve più vergognarsi. E le apre il suo cuore e quindi l’accetta in tutte le sue forme: la donna scheletro si ricopre di carne e capelli, cioè rinasce a donna vera e completa, capace di amare ed essere amata, senza avere più paura di essere giudicata. E questo non è che il primo passo di un percorso comune nel cammino di crescita.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Minchia signor Tenente", in scena i "TestiKueti": ecco lo spettacolo

    • solo oggi
    • 7 dicembre 2019
    • Teatro Posta vecchia

I più visti

  • Rassegna teatrale "Città delle Arance", volti noti e tante novità: ecco il programma

    • dal 12 al 7 dicembre 2019
    • Cine Teatro Lupo
  • "Minchia signor tenente", è tutto pronto al teatro della Posta Vecchia

    • solo oggi
    • 7 dicembre 2019
    • Teatro Posta vecchia
  • "Controversie del trattamento del carcinoma prostatico", specialisti a confronto: il programma

    • solo oggi
    • Gratis
    • 7 dicembre 2019
    • Ospedale Barone Lombardo
  • "Fiera della montagna", un trionfo del gusto: madrina dell'evento Licia Colò

    • fino a domani
    • dal 6 al 8 dicembre 2019
    • Spazio Polifunzionale “Giovanni Scrudato”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento