Firetto: "Traguardo degli agrigentini per bene, la Regione ci deve pero' aiutare"

Il sindaco: "Gli importanti risparmi che la differenziata ci ha consentito di realizzare si sono volatilizzati per l’assenza di stazioni di conferimento nei bacini provinciali"

“E’ un dato lusinghiero, è un traguardo degli agrigentini per bene. Un traguardo che però spingeremo oltre con un ulteriore miglioramento delle performance. Inaspriremo la lotta ad una aliquota sempre più piccola di incivili recalcitranti. Rimane, ed è pesante, il problema delle stazioni di conferimento dei rifiuti differenziati che è un tema che la Regione deve risolvere con immediatezza e questo perché gli importanti risparmi che la differenziata ci ha consentito di realizzare si sono volatilizzati proprio per l’assenza di stazioni di conferimento nei bacini provinciali”. E’ con queste parole, guardando anche in prospettiva, che il sindaco di Agrigento Lillo Firetto commenta il risultato record di una città che è primo capoluogo di provincia a livello regionale per la raccolta differenziata.
“Dobbiamo migliorare ancora su alcune grandi utenze. Abbiamo raggiunto ottimi risultati sul fronte degli evasori, opera che non si arresta. Dobbiamo migliorare ancora molto nella qualità dello spazzamento e nella pulizia più in generale – dice Firetto, guardando appunto a tutto il lavoro che c’è ancora da fare, - . Abbiamo però recuperato 4.180 evasori e sanzionato quasi mille incivili”. Un nodo resta cruciale: le stazioni di conferimento. “La Regione deve risolvere questo problema – incalza il sindaco di Agrigento - . Le stazioni di conferimento vanno circoscritte su base provinciale. I grossi risparmi che stiamo realizzando sul fronte della differenziazione si stanno volatilizzando a causa del maggiore costo che sosteniamo per conferire in discariche fuori provincia dove la Regione ci manda: Enna, Lentini, Palermo. Ma sopportiamo anche il disagio proprio a causa della chiusura di alcune stazioni di conferimento per il trattamento dell’umido”. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento