Sant'Angelo Muxaro: sindaco, giunta e consiglieri si azzerano le indennità

Si parla tanto di tagli e riduzione dei costi della politica e a Sant'Angelo Muxaro danno tutti un bell'esempio, azzerando, addirittura, tutti i costi

Lorenzo Alfano

Seduta storica del Consiglio comunale di Sant'Angelo Muxaro si appresta, oggi pomeriggio, a prendere atto di una risoluzione senza precedenti nella storia recente del piccolo centro dell’entroterra agrigentino.

Il neo sindaco eletto, Lorenzo Alfano, comunicherà all’assemblea di avere ricevuto nelle sue mani le dichiarazioni sottoscritte, di tutti i consiglieri, dei quattro assessori e la sua personale, di rinuncia alle rispettive indennità.

In pratica: sindaco, quattro assessori e dodici consiglieri comunali, non percepiranno nessun reddito per lo svolgimento del loro mandato.

Si parla tanto di tagli e riduzione dei costi della politica e a Sant'Angelo Muxaro danno tutti un bell’esempio, azzerando, addirittura, tutti i costi.

“Lo avevamo promesso durante la nostra campagna elettorale a tutti i cittadini di Sant'Angelo Muxaro – ha dichiarato il sindaco Lorenzo Alfano – e questo, a poco più di un mese dal nostro insediamento è il primo atto importante che andiamo a deliberare. La crisi generale che attraversa il nostro territorio e in particolare il nostro paese ci aveva fatto pensare a questa ipotesi. Dopo aver visto i conti del nostro comune – ha proseguito Alfano – questa idea si è rafforzata e devo dare atto a tutti che nessuno di noi si è tirato indietro. Segno evidente di coesione, di spirito di sacrificio e di giusta visione del bene comune. Il nostro comune – ha aggiunto il sindaco – ha perso recentemente una causa, per dei lavori eseguiti circa venti anni addietro, e dovrà sborsare, tra risarcimenti e spese processuali, poco meno di un milione di euro che abbiamo ottenuto di poter restituire in diverse rate. Ciò comporterà un aggravio di circa 170mila euro ogni anno per il nostro bilancio. Alla luce anche di questo – ha concluso il sindaco Alfano - la decisione che abbiamo preso di comune accordo, continuiamo a ritenerla la più giusta e soprattutto la più onesta nei confronti dei nostri concittadini”.

Nel corso della stessa seduta il Consiglio comunale ribadirà la volontà dell’amministrazione comunale di voler continuare a mantenere pubblico il servizio idrico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento